Archivi tag: branobag

branobag aspettando il 3° Festival d’Inverno in Val di Farma (-3): Lost in a Crowd

Cominciamo a entrare un poco nell’atmosfera Amish from Jack White, che avrete modo di sentire sabato 15-12-18 nella giornata di Torniella (GR) del 3° Festival d’Inverno in Val di Farma. Ecco qua un pezzone dei Fantastic Negrito, che proprio dagli Amish ho conosciuto, e non è un segreto che lo si sia risuonato, e non in un locale vuoto (così abbiamo usato tutte le vocali in due righe con parole che finiscono per “-to”):

[Intro]
Hmmmm Hmmmm Hmmm Hmmm Hmmm Hmmm Hmmmm Hmmm Hmmm Hmmm

[Verse 1]
Lost in a crowd
You feel your thoughts out loud
Lost in the wilderness of the sound
Get through the day, don’t drown
Life it goes fast, youth is gone
Feeling of loss
Come on grieve, move on
Stuck in the shadows of a life
That you tried to leave behind

[Chorus]
Hmmmm hmmmm hmmm hmmm hmmm hmmm
Hmmmm hmmm hmmm hmmm
Hmmmm hmmmm hmmm hmmm hmmm hmmm
Hmmmm hmmm hmmm hmmm

[Verse 2]
Games people play
Slave through the year for a holiday
Stuck in a room for too long
Waiting to hear your favorite song
Wait! Panic, Freak out
I’m out on a ledge
Shapeless expressions, lame dead
Eat till you’re fat, eat till you’re dumb
Spend all that money until you come

[Chorus]
Hmmmm hmmmm hmmm hmmm hmmm hmmm
Hmmmm hmmm hmmm hmmm
Hmmmm hmmmm hmmm hmmm hmmm hmmm
Hmmmm hmmm hmmm hmmm

[Bridge]
Well you travel, and we travel trying to find it
I know that neither one of us
No, neither one of us can survive it
No the good Lord
We travel and we travel trying to find it
We’re just people, lonely people, you and I

[Interlude]
Come one
Hmmmm hmmmm hmmm hmmm hmmm hmmm
Get yourself, get yourself, get yourself
Hmmmm hmmm hmmm hmmm

[Verse 3]
Stand in line, wait for your turn, don’t you cry
Here they make the best dream pie
You took their money, now you die
Feelings of rage, broken bones
Lost in a crowd
Now you’re on your own
This is your life, now you’re gone
There’s no tomorrow
It’s here, it’s on

[Chorus]
Hmmmm hmmmm hmmm hmmm hmmm hmmm
Hmmmm hmmm hmmm hmmm
Hmmmm hmmmm hmmm hmmm hmmm hmmm
Hmmmm hmmm hmmm hmmm

[Bridge]
Well we travel, and we travel, trying to find it
I know that neither one of us
No, neither one of us can survive it
Good good good Lord
We travel, oh we travel, trying to find it
We’re just people, lonely people, you and I
We’re just people, lonely people, you and I
I tell you
We’re just people, lonely people, you and I

[Outro]
La la la, la la la, la la la
La la la, la la la, la la la
La la la la, la la la
Lonely people
Lonely people


branobag aspettando il 3° Festival d’Inverno in Val di Farma (-9): Il cielo è di tutti

Due versioni di un pezzo di Bobo Rondelli -su testo di Gianni Rodari- che mi fu presentato un paio di anni fa Dario e Simone degli Etruschi from Lakota

Al momento, della musica che conosco, è uno dei 3-4 più affini alla BuioMetria Partecipativa.

Versione in studio (meglio per seguire il testo) e dal vivo, con medley su Who do you love di Bo Diddley.

 

Il cielo è di tutti | the sky is everyone’s property

Qualcuno che la sa lunga | Somebody who knows it all
mi spieghi questo mistero: | can explain to me this mystery
il cielo è di tutti gli occhi, | the sky is all the eyes
di ogni occhio è il cielo intero.| each eye has the whole sky

È mio, quando lo guardo. | it is mine, when I watch it
È del vecchio e del bambino, | it the old man’s and the kid’s
dei romantici e dei poeti, | it is
del re e dello spazzino. | it is the king’s, and the street sweeper’s

Il cielo è di tutti gli occhi, | the sky is a property of all the eyes
e ogni occhio, se vuole, | ad each eye, if it wants
si prende la Luna intera, | will take the whole moon
le stelle comete, il sole. | the comets, the sun

Ogni occhio si prende ogni cosa | each eye takes everything
e non manca mai niente: | yet nothing is ever missing
chi guarda il cielo per ultimo | who watches the sky last
non lo trova meno splendente. |does not find it less shining

Spiegatemi voi dunque, | so, will you please explain me
in prosa o in versetti, | as prose or in verses
perché il cielo è uno solo | why is the sky one
e la Terra è tutta a pezzetti.| and the Earth is all in little pieces

Branobag aspettando il 3° Festival d’Inverno in Val di Farma (-22): What a wonderful world

Con una traduzione inedita in forma di adattamento.

 

Don’t know much about history | non è che sappia di sto–o–ria
Don’t know much biology | né mica tanto di biologi—i—a
Don’t know much about a science book, | non ho imparato le scienze a memo—o—ria
Don’t know much about the french I took | e il francese lo sa meglio mia zi—i–a
But I do know that I love you, | ma so che un ti voglio un gran bene
And I know that if you love me, too, | se so che se me ne vuoi anche tu
What a wonderful world this would be | sarebbe un mondo non bello, di più

Don’t know much about geography, | no, non m’intendo di geografia
Don’t know much trigonometry | no mi chiedete la trigonometria
Don’t know much about algebra,| non so fare le operazioni
Don’t know what a slide rule is for | col calcolatore ci schiaccio i mosconi

But I do know that one and one is two, | ma so che uno più uno fa due
And if this one could be with you, | e se questo uno potesse essere con te
What a wonderful world this would be | sarebbe un mondo più bello per me

Now, I don’t claim to be an “A” student, | lo sai che non sono – uno studente modello
But I’m tryin’ to be | ma sarebbe bello
For maybe by being an “A” student, baby, | ché se riesco in classe —a esser migliore
I can win your love for me | magari con questo poi avrò il tuo amore

Don’t know much about history,
Don’t know much biology
Don’t know much about a science book,
Don’t know much about the french I took
But I do know that I love you,
And I know that if you love me, too,
What a wonderful world this would be
History
Biology
Science book
French I took
But I do know that I love you,
And I know that if you love me, too,
What a wonderful world this would be

Branobag aspettando il Festival d’Inverno in Val di Farma (-15): Quiero tener tu presencia

[riedizione del branobag del 30-8-2012, con aggiunta di foto originale, scattata il 22-8-2015 al Bar Vineria La Combriccola di Torniella (GR) e nota del 30-11-2018: a Madrid in metropolitana prima di annunciare la prossima fermata suonano quattro note dell’attacco di “How Deep is your Love” dei Bee Gees]

2015-08-22-faccebicchiereNel gioco della bottiglia quotidiano che è il brano bag, oggi tocca a un pezzo che sentii per la prima volta in un anno indeterminato fra il 1985 e il 1995. Potremmo definirlo il “milanozoico”.
Le ère sono intervalli di tempo di cui l’inizio e la fine non sono determinati con esattezza, ma quando li guardi da una certa prospettiva vedi che delle cose erano diverse prima e dopo.
E’ interessante anche che nella definizione di alcune delle ère, la denominazione è relativa. Il mesozoico a occhio è l’èra tra il paleozoico e il cenozoico, e il “meso-” ci dice questo. Ma non è che il nome la caratterizza di per sé…è un’èra che è stata definita “perché c’era posto”…

…mi piace pensare che le ère che saranno, saranno perché hanno un’identità propria, non perché servono cuscinetti tra un periodo e un altro. Poi magari un’altra volta si parlerà di stati cuscinetto e dei posti che finiscono in -stan.

Ma torniamo al pezzo di oggi: dalla Spagna con passione…quasi un Freddy Mercury andaluso…quello che però mi resta impresso di questa performance è l’energia complessiva. Quattro minuti che secondo me corrispondono a diversi kilowatt prodotti dal pubblico.

Randy McPherson, critico musicale per il Des Moines Tribune, scrisse una decina di anni fa: “If you haven’t seen Seguridad Social live, you can’t say you have been blasted away by a musical performance“. Giudicate voi.

Penso anche che se uno spagnolo mi dice “no quiero hablar de la lucha, si no estamos preparados” vada preso con attenzione (quando si sono messi di buzzo buono a luchar, solo gli inglesi sono riusciti a rimetterli a posto, ma anche di questo riparleremo se vi farà piacere).

Esta es la letra de la canción Quiero Tener Tu Presencia interretada por Seguridad Social.
Quiero tener tu presencia, quiero que estés a mi lado | Voglio la tua presenza, voglio che tu mi stia a fianco
no quiero hablar del futuro, no quiero hablar del pasado. | non voglio parlare del futuro, non voglio parlare del passato
No quiero hablar de esos niños que están tan desamparados. | non voglio parla’ de ‘sti bbimbi che sono così disgraziati
No quiero hablar de la guerra, no quiero hablar del parado | non voglio parlare della guerra, non voglio parlare di disoccupazione

Quiero tener tu presencia, quiero que estés a mi lado |
no quiero hablar de la lucha si no estamos preparados | non voglio parlare di lotta, se non siamo pronti
no quiero hablar de la lucha si no estamos preparados…

…Quiero buscar un camino que no se encuentre embarrado… | voglio imboccare una via su cui non ci siano ostacoli
No quiero hablar del mendigo, no quiero hablar del esclavo. | non voglio parlare dei poveri, non voglio parlare degli schiavi
No quiero hablar pero hablo y empiezo a estar ya cansado | non voglio parlare, però parlo, e comincio a essere un po’ stufo
de muy buenas intenciones sin entregar nada a cambio. | di tutte ‘ste buone intenzioni senza dare niente in cambio

Quiero tener tu presencia, quiero que estés a mi lado
no quiero hablar de la lucha si no estamos preparados
no quiero hablar de la lucha si no estamos preparados…

Quiero tener tu presencia, quiero que estés a mi lado
no quiero hablar de la lucha si no estamos preparados
no quiero hablar de la lucha si no estamos preparados…

Quiero tener tu presencia, quiero que estés a mi lado
no quiero hablar de la lucha si no estamos preparados
no quiero hablar de la lucha si no estamos preparados…

No quiero que des la espalda hay que tomárselo en serio | non voglio che tu mi dia le spalle, bisogna prendere la cosa sul serio
basta de palabras, busquemos remedio. | basta parole, cerchiamo un rimedio
Vamos a hacer el camino con decisión | mettiamoci in cammino con decisione
y coraje sin pensar que el viaje llegue a su destino… | e coraggio, senza pensare, che il viaggio ci porti alla sua destinazione

Quiero tener tu presencia, quiero que estés a mi lado
no quiero hablar de la lucha si no estamos preparados

(da: http://www.sitiodeletras.com/)

Branobag aspettando il 3° Festival d’Inverno in Val di Farma (-24): Scuola

[inizialmente pubblicato come primo ECSPObag, il 27-5-2015. Per informazioni sui branobag vedi qui]

Trovandomi qualche giorno a Milano nel mese iniziale di EXPO (che per ora non ho visitato), non ho potuto non essere irraggiato dall’influenza che l’evento sta avendo sul tessuto urbano: le aiuole nitide, il lettering tridimensionale che dice dove sono i posti (cosa che in Turchia facevano 50 anni fa, anche se in 2D), i pacchetti colazione dedicati all’eventi.

Ho pensato quindi di omaggiare l’esposizione (e magari guadagnare qualche iscritto alla rubrica dei branobag, pensa che speculazione!) trasformando gli articoli in ecspobag. Ogni giorno, oltre ai contenuti che già arrivano, vi arriverà una frase in cui le iniziali delle parole diventano “ECSPO”.

Si parte con una frase nata ieri, avendo passato un bar vicino alla fermata M3 Crocetta:

Eravamo Convinti, Siamo Possibilisti

per il resto, buona lettura/asccolto/visione

[il presente branobag va in onda in forma registrata …era il 30-11-2012, ma sembra ora…]

Dieci minuti fa ero in un’ascensore di un palazzo di una città in cui gli ascensori potrebbero non servire più di tanto, e una coppia discuteva di una cena o un pranzo che stanno organizzando per domani…a un certo punto parlavano di qualche ingrediente che poteva essere usato per un certo piatto, ma anche per condire qualcos’altro.

Dal condire, è stato breve il passo al con-dire, e quindi al dire-con.

diverse persone mi hanno chiesto in questi mesi che cosa vuol dire “brano bag”, o “che cosa è”, o “se non penso che sia una cosa effimera”, o “se è necessario mettersi al pc mediamente prima delle 07.00 per comporre “dal vivo” questa rubrica, senza altra preparazione se non il sonno della notte prima e 45 anni di pellegrinaggi, tra la baia di San Francisco, la bassa Norvegia, il medio Marocco e le città Ittite da cui, guardando a Est si vede distinto il picco triangolare del monte Van.

Finora ho sempre detto che il significato dell’espressione “brano bag” non si può regalare così, “gratis”…sebbene almeno una decina di persone che ricevono questi messaggi quasi quotidiani lo dovrebbero conoscere già da 4-5 anni. Non per egoismo o per snobismo, ma perché…perché poi ci si arriva.

Però si può pensare a delle analogie…si potrebbe dire che i brano bag sono un modo di condire un’insalata culturale, e “dire con…” allo stesso tempo ?

Si potrebbe…

Per chiudere una settimana improntata alla metafora del piano di studi, una canzoncina facile facile…quattro accordi (gli stessi di She’s got Issues degli Offspring…provate RE-LA///DO-SOOOL) e un testo istruttivo.

…molto bello anche il prologo, che cala la canzone in un contesto storico…ogni espressione artistica seria e sempre figlia dell’epoca in cui nasce, e riesce poi a trasmettere qualcosa dopo che quell’epoca è passata e a prescindere dal percorso dell’artista che l’ha creata.

E’ curioso, infatti, anche se non strano, che Finardi, tra una fase decisamente di riflessione e di “cittadino attivo” e una fase di grande vecchio del folk-blues, sia stato ad esempio interprete della canzoncina che presentava la nuova Cinquecento (la prima vera “nuova” Cinquencento).

Grande Eugenio! Nun ce lascia’ (e poi canta strabene in inglese…non a caso essendo mezzo americano, se non sbaglio ?).

(Eugenio Finardi)

Ci dicevano, insistevano, di studiare
che da grandi ci sarebbe stato utile sapere
le cose che a scuola andavamo a imparare
che un giorno avremmo dovuto anche lavorare.

E c’è chi è stato promosso, c’è chi è stato bocciato,
chi non ha retto la commedia ed è uscito dal gioco
ma quelli che han studiato e si son laureati
dopo tanti anni adesso sono disoccupati.

Infatti mi ricordo mi sembrava un po’ strano
passare quelle ore a studiare latino
perché allena la mente a metter tutto in prospettiva
ma io adesso non so calcolare l’iva.

Io volevo sapere la vera storia della gente
come si fa a vivere e cosa serve veramente
perchè l’unica cosa che la scuola dovrebbe fare:
è insegnare a imparare

Io per mia fortuna me ne son sempre fregato
non facevo i compiti, non ho quasi mai studiato.
Ascoltavo dischi, mi tenevo informato.
Cercavo di capire ed adesso me la so cavare.

Perciò va pure a scuola per non far scoppiar casino,
studia matematica ma comprati un violino, impara a lavorare il legno,
ad aggiustar ciò che si rompe, che non si sa mai nella vita
un talento serve sempre.

Branobag aspettando il 3° Festival d’Inverno in Val di Farma (-23): Starfish and Coffee

[originale: branobag del 12-11-2012. aggiunta traduzione a fronte 21-11-2018 e prologo]

Il branobag si riallaccia a quello di ieri (-24) perché si svolge a scuola. Finardi, negli anni ’70, faceva il politicamente impegnato e c’era di mezzo qualche riforma. Prince, negli anni ’80, pensando alla scuola sognava e faceva sognare a occhi aperti.

E’ diventata forse ormai più un modo di dire che il titolo di un’opera di Goya, ma mi è sempre rimasto impressa la frase “Il sonno della ragione genera mostri”.  Il gioco di parole immediato è pertanto che “il sonno del rogione genera mastri”, persone riconosciute e rispettate per la loro autorità e il loro ruolo. Come Geppetto in Pinocchio.

Ma non volevo imboccare troppo la via del gioco di parole. La riflessione principale sul tema è: se il sonno della ragione genera mostri, il sonno della passione, che cosa genera ? E il sonno della motivazione ? E il sonno del rispetto ?

Se va bene, tutti questi sonni generano il nulla…ma se per caso qualcosa nasce da questi sonni, non può essere niente di troppo buono…alzamenti di spalle a fronte di domande serie, consuetudine trita, frasi tipo “tanto io sono così”, o peggio.

Insomma: meglio far dormire bene il rogione, e aspettare che nascano i mastri (anche se secondo me qualche rogione che ha lavorato bene in giro c’è già, perché dei mastri li ho conosciuti in questi anni).

Songwriters: NELSON, PRINCE ROGERS / MELVOIN, SUSANNAH K.
It was 7:45, we were all in line 2 greet the teacher Miss Kathleen | erano le 7.45, eravamo tutti in fila per salutare la maestra, Miss Kathleen
First was Kevin, then came Lucy, third in line was me | Prima c’era Kevin, poi Lucy, il terzo nella fila ero io
All of us were ordinary compared 2 Cynthia Rose | Eravamo tutti normali in confronto con Cynthia Rose
She always stood at the back of the line, a smile beneath her nose | lei stava sempre in fondo alla fila, sorridendo sotto i baffi
Her favorite number was 20 and every single day | il suo numero preferito era 20, e ogni giorno
If U asked her what she had 4 breakfast, this is what she’d say | se le chiedevi cosa avesse mangiato per colazione, diceva così

Starfish and coffee, maple syrup and jam | stelle marine e caffé, sciroppo d’acero e marmellata
Butterscotch clouds and a tangerine, a side order of ham, | nuvole di caramello e un mandarino, con un contorno di prosciutto
If U set your mind free, baby, maybe U’d understand | se lasciavi andare la tua mente, bella, magari potevi capire
Starfish and coffee, maple syrup and jam | stelle marine e caffé, sciroppo d’acero e marmellata

Cynthia wore the prettiest dress but different color socks | Cynthia portava i vestiti più carini ma calze di colore differente
Sometimes I wondered if the mates were in her lunchbox (Oh ooh oh) | a volte mi domandavo se le altre le tenesse nella cestina della merenda
Me and Lucy opened it when Cynthia wasn’t around (Oh ooh oh) | Lucy ed io l’aprimmo quando Cynthis non c’era
Lucy cried, I almost died, U know what we found | Lucy gridò, io quasi morii, lo sai cosa trovammo?

CHORUS:
Starfish and coffee, maple syrup and jam
Butterscotch clouds, a tangerine and a side order of ham
If U set your mind free, baby, maybe U’d understand
Starfish and coffee, maple syrup and jam

Starfish and coffee

Cynthia had a happy face, just like the one she draws | Cynthia aveva una faccia allegra, proprio come quella che disegnava
On every wall, in every school, but it’s alright, it’s 4 a worthy cause | su tutti i muri, in ogni scuola, ma va bene…è per una giusta causa
Go on, Cynthia! | Vai così, Cynthia!
Keep sayin’… | Continua a dire…

CHORUS

(La la la la…)
Starfish and coffee, love 4 the soul {x2}

Branobag aspettando il 3° Festival d’inverno in Val di Farma (-5): What I’ve got

[originale del 3-9-2012 – ripubblicato il 9-12-2018 con qualche aggiustamento]

[sulla base a basso volume di That’s the way I like it di KC and the Sunshine Band]

September morning di Neil Diamond ce la siamo giocata: la passavano all’Hotel Tricolore di Gaida a colazione sabato mattina…

When September ends dei Green Day è -come direbbe Corrado- wild al punto giusto, pur trattando tematiche impegnate (per gli autori). Però per me è un po’ ripetitiva.

Un terzo pezzo, mi viene in mente che fa tipo “…na na na remember…na na in September”, ma non ricordo né titolo né autore…magari viene in mente a voi (se sì, scrivete mail)…..[era Eddy Brickell nda 9-12-2018]

[…alza un poco…that’s the way a-ha a-ha I like it…abbassa]

Caparezza avrebbe detto dieci anni fa “tutto ciò che c’è, c’è già, allora nei webcast mie che si fa ? boh!”.

Ma siccome non siamo dieci anni fa, facciamo che si parte con il settembra lavorativo con un invito, composto da uno che è morto sparato (così mi spiegò l’amico Blair pedalando lungo la baia di Sausalito), ad alzarsi presto la mattina e a non scordarsi dei nonni.

[…du-du-duuu-du-du-du-du-du-du….du-du-duuu-du-du-du-du-du-du….]

… un grande in bocca al lu po(litico) a Gavino che ha ripreso a fare po(litica). Gavi’ nun ce lascia’! Gavi’ nun ce lascia’!

[sfuma KC and the Sunshine Band…]

dei Sublime, accompagnati dal cane dalmata Yuri: What I got.

“What I Got”

Early in the morning, risin’ to the street | La mattina presto, mi alzo verso la strada
Light me up that cigarette and I strap shoes on my feet | mi accendo quella sigaretta e mi allaccio le scarpe ai piedi
Got to find a reason, a reason things went wrong | Bisogna che trovi un motivo per cui le cose sono andate male
Got to find a reason why my money’s all gone | Bisogna che trovi il perché ho finito tutti i soldi
I got a dalmatian, and I can still get high | Ho un dalmata, e posso sempre stonarmi
I can play the guitar like a mother fucking riot | Posso suonare la chitarra come un gran bordello

Well, life is (too short), so love the one you got | Be’, la vita è (troppo corta), per cui amate la persona che avete
‘Cause you might get run over or you might get shot | Ché potreste essere investiti o potreste farvi sparare
Never start no static I just get it off my chest | Non dare mai le scosse – Io me le levo sempre dal petto
Never had to battle with no bulletproof vest | Non ho mai dovuto fare una battaglia senza giubbotto antiproiettile
Take a small example, take a tip from me | Prendi un piccolo esempio, accetta un suggerimento da me
Take all of your money, give it all to charity | Prendi tutti i tuoi soldi, dalli per la carità
Love is what I got | L’amore è ciò che ho
It’s within my reach | E’ alla mia portata
And the Sublime style’s still straight from Long Beach | E lo stile di Sublime viene sempre dritto da Long Beach
It all comes back to you, you’ll finally get what you deserve | E ti torna tutto indietro, alla fine ottieni ciò che ti meriti
Try and test that you’re bound to get served | Provaci e vedrai che ti toccherà essere servito
Love’s what I got
Don’t start a riot | Non cominciate una rissa
You’ll feel it when the dance gets hot | Vi accorgerete quando il ballo si fa caliente

Lovin’, is what I got, I said remember that | Amare è ciò che ho – ho detto ricorda che…
Lovin’, is what I got, I said remember that
Lovin’, is what I got, I said remember that
Lovin’, is what I got

(That’s) why I don’t cry when my dog runs away | Per questo non piango quando il mio cane scappa
I don’t get angry at the bills I have to pay | non mi arrabbio per i conti da pagare
I don’t get angry when my Mom smokes pot | non mi arrabbio quando mia mamma si fuma l’erba
Hits the bottle and goes right to the rock | Si attacca alla bottiglia e va giù a terra
Fuckin’ and fightin’, it’s all the same | Fottere e lottare, e tutta la stessa cosa
Livin’ with Louie dog’s the only way to stay sane | Vivere co Louie il cane e l’unico modo per rimanere sani
Let the lovin’, let the lovin’ come back to me | Lascia che l’amare torni a me

Lovin’, is what I got, I said remember that
Lovin’, is what I got, I said remember that
Lovin’, is what I got, I said remember that
Lovin’, is what I got, I got I got I got

Branobag aspettando il Festival d’Inverno in Val di Farma (-18): Big Yellow Taxi

[branobag originale del 13-4-2011]

Dopo una prima settimana centrata su brani che hanno a che fare con la cultura e la scuola, è il turno dell’ambiente. Apre le danze la biondissima Joni Mitchell con una canzone che parla anche del DDT. Se a qualcuno sembra arcaica o nostalgica, provate a vedere cosa ha detto il ministero dell’ambiente tedesco qualche mese fa (e, se lo dice, lo fa) in questo articolo.