Archivi categoria: Bosco Riserva

branobag del 21-12-2016: America + American Woman + Tu vuo’ fa’ l’americano

Questo era il brano bag del 21-12-2012 (titolo originale: “Almeno tre americhe”) –

Per tutti tranne gli indiani (no quelli col turbante, i “pellerossa”), almeno per una breve fase della vita e più prima del Vietnam che dopo, l'”America” ha rappresentato un sogno.

Per molti di quelli con la “pelle rossa” la stessa “cosa” ha rappresentato un incubo, anche se poi qualche tribù si è messa a gestire casinò nelle riserve. Ora, non è il caso di venerdì mattina di aprire un trattato sull’americanismo.

Però in una concatenazione di pensieri sono arrivato al rapporto con questa terra (e in particolare con gli Estados Unidos de America, gli U.S.A., che continuano a chiamarsi così ignorando che anche Canada, Brasile, Messico e Argentina sono repubbliche federali e sono quindi altri “stati uniti d’america”).

Musicalmente parlando, eccovi tre brani che parlano di america da punti di vista diversi: gli immigranti visti dagli americani (penso democratici), gli americani visti dai canadesi, e gli emuli americani visti dai napoletani. Non ho mai visto West Side Story per intero, però rileggere i dialoghi e il testo della canzoncina è illuminante per qualsiasi italiano di oggi che abbia a che fare con persone che vengono da fuori dell’Italia.

Va bene, il discorso è un poco più complesso, ma si può aggiungere questo branobag come tassello di un discorso.

================================================================

Guess Who – American Woman

American woman gonna mess your mind – l’americana, ti farà uscire di testa..
American woman, she gonna mess your mind
American woman gonna mess your mind
American woman gonna mess your mind

Say A, say M, say E
Say R, say I, C
Say A, N

American woman gonna mess your mind
American woman gonna mess your mind
American woman gonna mess your mind

American woman, stay away from me – oh americana, stamme luntano
American woman, mama let me be – oh americana, lasciami stare, bella
Don’t come hangin’ around my door – non stare qua intorno alla mia porta
I don’t wanna see your face no more – la tua faccia non la voglio vedere più

I got more important things to do – ho cose più importanti da fare
Than spend my time growin’ old with you – che passare il mio tempo a invecchiare con te
Now woman, I said stay away – donna, ti ho detto di stare lontano
American woman, listen what I say – oh americana, ascolta quello che ti dico

American woman, get away from me
American woman, mama let me be
Don’t come knockin’ around my door
Don’t wanna see your shadow no more

Colored lights can hypnotize – le lucine colorate possono ipnotizzare
Sparkle someone else’s eyes – o confondere gli occhi di qualcun altro
Now woman, I said get away – ora, donna, ho detto levati di torno
American woman, listen what I say

American woman, said get away
American woman, listen what I say
Don’t come hangin’ around my door
Don’t wanna see your face no more
I don’t need your war machines
I don’t need your ghetto scenes

Colored lights can hypnotize
Sparkle someone else’s eyes
Now woman, get away from me
American woman, mama let me be

Go, gotta get away, gotta get away – via, devo andare via
Now go, go, go, I’m gonna leave you, woman – ora via, ti devo lasciare, donna
Gonna leave you, woman
Bye-bye, bye-bye, bye-bye, bye-bye

You’re no good for me – te non sei buona per me
I’m no good for you – io non sono buono per te
Gonna look you right in the eye – ti guarderò dritto negli occhi
Tell you what I’m gonna do – e ti dirò quello che farò

You know I’m gonna leave –
You know I’m gonna go
You know I’m gonna leave
You know I’m gonna go, woman

I’m gonna leave you, woman
Goodbye, American woman

====================================

Tonino Carosone – Tu vuo’ fa’ l’americano

Puorte o cazone cu ‘nu stemma arreto
‘na cuppulella cu ‘a visiera alzata.
Passe scampanianno pe’ Tuleto
camme a ‘nu guappo pe’ te fa guardà!

Tu vuò fa l’ americano!
mmericano! mmericano
siente a me, chi t’ ho fa fa?
tu vuoi vivere alla moda
ma se bevi whisky and soda
po’ te sente ‘e disturbà.

Tu abballe ‘o roccorol
tu giochi al basebal ‘
ma ‘e solde pe’ Camel
chi te li dà? …
La borsetta di mammà!

Tu vuò fa l’ americano
mmericano! mmericano!
ma si nato in Italy!
siente a mme
non ce sta’ niente a ffa
o kay, napolitan!
Tu vuò fa l’ american!
Tu vuò fa l’ american!

Comme te po’ capì chi te vò bene
si tu le parle ‘mmiezzo americano?
Quando se fa l ‘ammore sotto ‘a luna
come te vene ‘capa e di:”i love you!?”

Tu vuò fa l’ americano
mmericano! mmericano
siente a me, chi t’ho fa fa?
tu vuoi vivere alla moda…

============================

America – West Side Story

Girls here are free to have fun. She is in America now.

Puerto Rico is in America now.

sometimes l don’t know which is thicker–

your skull or your accent.

– Let them wait.

– ls Maria all right?

– l should be so all right.

– lt will not happen again.

Pepe, lndio.

– After tonight, things will be settled.

– First settle your stomach.

Never mind my stomach.

Well, l mind your nose

and your head broken.

– Broken?

– Sure.

They use Maria for an excuse to start World War lll.

lt is more than that.

More than what? She was only dancing.

With an American who is really a Polack.

Says the spic.

You are not so cute.

– That Tony is.

– And he works.

A delivery boy.

– And what are you?

– An assistant.

And Chino makes half of what the Polack makes.

– The Polack is an American.

– Here comes the whole commercial.

Your mother’s a Pole. Your father’s a Swede.

But you were born here. That’s all that you need.

You are an American. But us?

Foreigners!

Lice. Cockroaches.

But it’s true.

When l think about how l thought

it would be for us here.

We came like children,

believing, trusting.

With our hearts open.

With our arms open.

You came with your mouth open.

You did, spic, and you’ll

go back in handcuffs.

l’m going back in a Cadillac.

– Air-conditioned.

– Built-in bar.

– Telephone.

– Television.

Compatible color.

lf you had all that here, why would you

want to go back to Puerto Rico?

Even if you didn’t have all that here,

why would you want to go back?

lt’s so good here?

lt’s so good there?

We had nothing.

Ah, we still have nothing,

only more expensive.

Anita Josephina…

– Beatriz del Carmen Margarita.

– lt’s plain Anita now.

– Et cetera.

– Leave me alone. At least l–

Once an immigrant,

always an immigrant.

Hey, look, instead of a shampoo,

she’s been brainwashed.

– Stop it.

– She’s given up Puerto Rico.

Now she’s queer for Uncle Sam.

Oh, no. That’s not true.

Puerto Rico, My heart’s devotion

Let it sink back ln the ocean

Always the hurricanes blowing

Always the population growing

And the money owing

And the sunlight streaming

And the natives steaming

l like the island Manhattan

l know you do.

Smoke on your pipe

And put that in

l like to be in America

Okay by me in America
Everything free in America

For a small fee in America

Buying on credit is so nice

One look at us and they charge twice

I have my own washing machine

What will you have though to keep clean

Skyscrapers bloom in America

Cadillacs zoom in America

lndustry boom in America

Twelve in a room in America

Lots of new housing with more space

Lots of doors slamming in our face

l’ll get a terrace apartment

Better get rid of your accent

Life can be bright in America

lf you can fight in America

Life is all right in America

lf you’re all white in America

La-la-la, la-la, America

Here you are free – and you have pride

Long as you stay – on your own side

Free to be anything – you choose

Free to wait tables – and shine shoes

Everywhere grime in America

Organized crime in America

Terrible time in America –

You forget I’m in America

l think l go back to San Juan

l know a boat you can get on – Bye-bye!

Everyone there will give big cheer

Everyone there will have moved here

branobag del 19-8-2015: libri di sangue/books of blood

101-0189_IMG-xxr-web-frankieIl rap italiano nei branobag è un po’ sotto-rap-presentato, finora.

Vediamo di integrare questa scarsa presenza con un pezzone di Francesco di Gesù, al secolo Frankie Hi NRG. Che andai anche a vedere a Milano una decina di anni fa (ma più dodici che nove).

Dal vivo non mi impressionò. Musicisti di precisione impeccabile, ma poco “animati” (nella foto di repertorio, er chitara in quell’occasione). E in effetti Frankie è tutto nei testi.

Ho voluto quindi fare lo sforzo della traduzione, dato che ci sono anche diversi anglofoni che seguono la rubrica, e un paio di tedeschi che l’italiano lo parlano benissimo, ma a volte professano carenza nel vocabolario. Quale migliore occasione per imparare qualche parola nuova se non quella di una canzone verbosissima dalle rime intrecciatissime?

Frankie Hi NRG – Libri di sangue

C’e’ chi la chiama intolleranza | some call it intolerance
quest’ombra che avanza, | this shadow, making its way
che incalza, che aumenta di potenza: | pressing us, increasing in power
figlia di arroganza e di ignoranza, | child of arrogance and ignorance
ragione di vita di chi ha perso la coscienza | reason of life for those who lost their conscience
e crede ciecamente nella | and blindly believes
supremazia di una razza sulle altre: | in the supremacy of one race on the others
no, non è la mia questa visione della vita, | no, this is not my vision about life
e la partita non e’ vinta finche’ non e’ finita | and the game ain’t over ‘till it’s over
ed io l’ho appena cominciata. | and I just started mine

Una manciata di dadi e’ stata tirata | a fistful of dice has been cast
e la valanga di facce numerate non si e’ ancora fermata, | and the waterfall of numbered sides hasn’t yet stopped
non si ha il risultato: | we don’t have a result
ci han provato ha stabilirlo a priori | they tried to define it upfront
chi e’ dentro e chi e’ fuori, | who’s in and who’s out
chi è uno e chi è zero, | who’s a one and who’s a zero
chi è bianco e chi è nero. | who’s white and who’s black

Ma questa e’ l’opinione di una parte, | but this is the opinion of a single side
non e’ la piu’ importante, è solo quella del piu’ forte | it’s not the most important, it’s just from the strongest
e non abbiamo scampo di fronte alla morte. | and we have no escape when we face death
Far come il gatto e il topo non è lo scopo | playing like cat and mouse is not the purpose
di questo gioco di ruolo | of this role game
guidato da un master senza scrupoli, | led by a ruthless master
l’odio fra i popoli, i forti sui deboli; | hatred between people, strong versus weak,
che sono abili a crearsi alibi indimostrabili, | who are great at creating unprovable alibis
che accampano ragioni futili ma incontestabili, | producing futile yet undeniable motivations
che negano tutti i diritti ai propri simili | denying all rights to their peers
in nome di una giustizia propria degli uomini | in the name of a justice which is for people
soltanto nella forma, non negli intenti: | just in its form, not in its scope
sei grosso? Ti rispetto se no calci sui denti. | are you a big guy? I will respect you, if not, I’ll kick you in the teeth

Diversi nell’aspetto siamo scritti in mille lingue… | we are different in looks, we are written in a thousand languages
ma siam libri di sangue… | but we are books of blood
tutti libri di sangue… | we’re all books of blood

Siamo libri di sangue, volumi di storia futura, | we are books of blood, volumes of future history
diversa cultura ma identica natura: | with a different culture, but an identical nature
e’ inutile negarlo, questi sono i fatti, | you can’t deny this, it’s a fact
il prologo e l’epilogo uguali per tutti: | the prologue and the epilogue are the same for all of us
farabutti, politici corrotti, | crooks, corrupted politicians
uomini dotti, mafiosi, poliziotti; | wise men, mafia men, policemen
non c’e’ spazio per nessuna distinzione, | there is no space for distinctions
siam tutti membri di una stessa nazione ZULU. | we are all members of the same nation ZULU

E quando un uomo è nudo è nudo e nessuno | and when a man is naked nobobody
puo’ dire se quest’uomo sia buono o cattivo, | can tell if this man is good or bad
figurati se importa poi come si vesta: | why would you be concerned on how he dresses
una bestia in divisa resta una bestia, | a beast in a uniform is still a beast
chiamata a tutelare i diritti di chi? | to serve and to protect the rights of whom?

E’ successo a brother Rodney King, | take brother Rodney King
colpevole del crimine di esser nato nero | charged with the crime of being born black
nella buia capitale dell’impero del denaro. | in the dark capital of the money empire
Colpo su colpo, battuto come un polpo, | blow over blow, beat up like an octopus
legato, incaprettato e trascinato per lo scalpo | tied up, like a goat, and dragged by his scalp

documentato, l’hanno filmato, | this was all documented, they filmed it
pagine d’odio scritte sul selciato, | pages of hatred written on the pavement
vergate col sangue di un uomo innocente, impotente, | penned with the blood of an innocent man
che con quei bastardi no c’entrava niente, | who had nothing to do with those bastards
ma cara gente quotidianamente, | but, dear folks, everyday
succede anche in italia, ma non si sente. | this also happens in Italy, we just don’t hear it
Lentamente, inesorabilmente | slowly, inexorably
la sabbia del tempo ricopre la mente.| the sand of time will cover your mind
Ogni giorno d’ogni mese d’ogni anno in tutto il mondo | every day of every month of every year all over the world
la violenza comanda le azioni di uomini e nazioni: | violence rules the actions of men and nations
sesso, razza, religioni, | sex, race, religion
non mancano occasioni per odiare, | reasons to hate are not missing
ma dobbiamo ricordare che siamo libri di sangue.. | but we should remember that we are books of blood
tutti libri di sangue… | we’re all books of blood

Pagine e pagine e pagine di sentimenti, | pages and pages of feelings
emozioni, decisioni, ripensamenti: | emotions, incertitudes, thinking twice
fitte pagine scritte, | dense written lines
anime trafitte dal dolore di sapere | souls stabbed by the pain of knowing
che c’è chi non vuol capire chi sta male e vedersi diversi,| that there are those who won’t understand those of feel bad and see they’re different
costretti a inscenare una farsa perversa | forced to act in a perverted farce
in questo universo di sole comparse percorso | in this universe of sole extras, crossed
dall’odio o fingi o sei perso! | by hatred, either you fake it of you are lost!
No, mi rifiuto di accettare questa logica contorta | no, I refuse to accept such twisted logic
di chi non vuole amare ma vuole giudicare dalla copertina una persona:| of those who do not want to love, but judge people from their cover
seduti in poltrona individui come questi governano il mondo | sitting in a chair, people like this rule the world
e lo sfondo si riempie di morte e sconforto, il rapporto s’incrina: | and the background is getting filled with death and our relationship deteriorates
inevitabilmente discendiamola china.| inevitably we fall down
Gia’ lunga e’ la lista di ottusi soprusi | the list of stupid abuses is long enough
ma piu’ passa il tempo piu’ crescon gli abusi | but as time goes by mistreatments still grow
su donne umiliate dai capi d’azienda sei “brava” c’hai il posto, | on women humiliated by their bosses, if you are “nice” you’ve got your job
se no alzi le tende! | if not, you’re out|
Su uomini nati lontano, | on me born far away
troppo a sud per tendergli la mano: | too far South to stretch out your hand to them
carcasse fumanti sui campi di sole, | smoking carcasses on sunny fields
migliaia di gole gonfie di parole di dolore, | thousands of throats filled with words of pain
spine nel cuore di quelli che vedon marcire i propri fratelli, | thorns in the hearts of those who see their brothers rotting
popoli usati come merce di scambio: mi oppongo. | people used in trade: I oppose this
A patti non scendo con questa realtà e non mi va…| I won’t make a deal with such reality and I don’t want
e non mi va… e non mi va che “patibolo” | I don’t want that “gallow”
sia il titolo del nuovo capitolo | becomes the title of the next chapter
che stiamo per scrivere: forza, capitelo! |that we are about to write

Usiamo piu’ il cuore e un po’ meno le spranghe, perche’ siam libri di sangue… | let’s use a little more of our hearts and a little less of those iron bars, because we are books of blood

ecspobag del 30-6-2015: breakout/evasione

Edoardo Capisce Sempre Poco Oggi

Nella concatenazione ipertestuale che porta alla puntata quotidiana dell’ecspobag, sono arrivato a stabilire quella che penso sia, a quel che ne so, la miglior traduzione dell’espressione inglese

Me, myself, and I

Si usa quando vuoi sottolineare che in una situazione ci sei te, da solo, ma solo parecchio. Non ha necessariamente una valenza negativa.

pm01-prototipo-v1-mxh-xxr-web

Ecco, in italiano “standard” non avevo finora trovato una traduzione che rendesse il significato e -assieme- il ritmo dell’espressione (considerate che i De La Soul hanno anche fatto una canzone con lo stesso titolo).

Ora, una possibile traduzione è ”

Io, Perdi, e Paga“. L’espressione mi è stata insegnata qualche anno fa in Val di Farma (poteva essere a Torniella, ma magari si parlava con qualcuno di Piloni).

L’espressione può essere anche estesa a comprendere al massimo una persona in più, tipo:

…siamo Io, Te, Perdi e Paga“… tutte e due indicano situazioni in cui ti tocca fare qualcosa da solo, in genere quando c’è stata una fase precedente in cui sembrava ci fosse più gente che dava una mano, o quando sei l’unico a essere convinto di qualcosa. Nel caso italiano o -meglio- “farmigiano”, l’espressione non può essere usata in casi positivi.

Ora, direte, perché tanto “accanimento terapeutico” su questa espressione? Ma perché “Me, myself, and I” è l’espressione che ha ispirato il titolo del film “Me, Myself, and Irene”…in italiano tradotto letteralmente come “Io, me, e Irene”, perdendo quindi qualsiasi sfumatura dell’originale.

A voi quindi il pezzo chiave della colonna sonora del film (è possibile che sia stato composto apposta). Se non lo avete visto, per favore, correte a guardarlo, non come commedia o love story, ma come documentario sulla sindrome bipolare. Si ride dal minuto 1, ma si vede molto bene “un certo discorso”.

You make me dizzy running circles in my head | mi fai venire la nausea, girandomi in tondo dentro la testa
One of these days I’ll chase you down | uno di questi giorni, ti inchioderò

Well look who’s going crazy now | be’, guarda un po’ chi è che sta ammattendo.
We’re face to face my friend | ora siamo faccia a faccia, amico mio
Better get out, better get out | meglio uscire fuori, meglio uscire fuori

You know you make me breakout | lo sai che mi fai uscire fuori
Make me breakout
I don’t wanna look like that | non voglio sembrare così
I don’t wanna look like that

You know you make me breakout
Make me breakout
I don’t wanna look like that
I don’t wanna look like that

You know you make me breakout

You can see this on my face | lo vedi bene, sul mio viso
It’s all for you | è tutto per te
The more and more I take | e più e più che incasso e sto zitto
I break right through | e più mi porta a rompere il muro

Therapy still scares me | la terapia mi fa ancora paura
Put me on my back again | mi rimette me stess sulla gobba

I may be crazy, little frayed around the ends | potrei essere un poco matto, un po’ poco rifinito ai bordi
One of these days I’ll phase you out | uno di questi giorni, ti dismetterò

Burning in the blast-off, burning in the blast-off | bruciando nell’esplosione
watching me crawl away | guardandomi mentre striscio via
Try to get out, try to get out | provano a uscire fuori

You know you make me breakout
Make me breakout
I don’t wanna look like that
I don’t wanna look like that

You know you make me breakout
Make me breakout
I don’t wanna look like that
I don’t wanna look like that
I don’t wanna look like that

Breakout!
Breakout!
Breakout!
Breakout!
Go, go, go!

You know you make me breakout
Make me breakout
I don’t wanna look like that
I don’t wanna look like that

You know you make me breakout
Make me breakout
I don’t wanna look like that
I don’t wanna look like that
I don’t wanna look like that
I don’t wanna look like that

You know you make me breakout
Make me breakout
Make me breakout

Yeah!

Anthony – anthony_liverpool@hotmail.com
Breakout From The Album
“There’s Nothing Left To Lose”
Tabbed by Anthony
(anthony_liverpool@hotmail.com)

Play Every E On 12th Fret

Verse 1:

B E C# C
You Make Me Dizzy Running Circles in my head |
B E C# C
One Of These Days I’ll Chase You Down |
B E C# C
Well Look Who’s Goin Crazy Now We’re Face To Face My Friend |
B E C# C
Better Get Out Better Get Out |

Chorus:
B E C# C
You Know You Make Me Break Out Make Me Break Out | lo sai che mi fai uscire fuori

G (A) E (Strum A5 As A Transition Chord)
I Dont Wanna Live Like That I Dont Wanna Live Like That x2 | non ho voglia di vivere così

B E C# C
You Know You Make Me Break Out Make Me Break Out

Verse 2 (Chords Same As Verse 1) Listen To Song For Timing Of The Chords

Then After Verse 2 Back To Chorus

After 2nd chorus When Dave Is Screaming “BREAKOUT!!!”
The Chords Are:

B A C# E(Low E, In Other Words Its Not Done On The 12th Fret).
BREAKOUT

branobag del 21-4-2015: caffé nero bbollènde

2015-04-20 14.07.05Pezzone electro-pop-cantautorale con vene punk. Risentito ora, si sente che in giro c’era la Berté e Adelmo Fornaciari in arte Zucchero era lì, dietro l’angolo (arrivò a Sanremo l’anno seguente).
p.s. Le scritte in sovraimpressione nel video sono del 1981…non chiamate quel numero!

A
E ammazzo il tempo bevendo
caffè nero bollente
in questo nido scaldato
già dal sole paziente
ma tu che smetti alle tre
RE
poi torni a casa da me
DO
tu che non senti piu’ niente
RE LA
mi avveleni la mente
LA
Un filo azzurro di luce
scappa dalle serrande
e cerco invano qualcosa
da inventare in mutande
un’automobile passa
RE

…e una mosca vola bassa
mi ronza gira gira
ma sbaglio la mira
Vorrei cercare qualche cosa
da fare fuori
e camminare senza orgoglio
darsi a un rubacuori
Ma io come Giuda
so vendermi nuda
la strada conosco
attirarti nel bosco
attirarti nel bosco attirarti
Voci di strada all’orecchio
tutto è poco eccitante
in questo inverno colore
caffe’ nero bollente
ammazzo il tempo cosi’
ma scappero’ via di qui
da questa casa galera
che mi fa prigioniera
Con gli occhi chiusi
a mille miglia per conto mio
odio la sveglia che mi sveglia
oh mio Dio
Ma io come Giuda
so vendermi nuda
da sola sul letto
mi abbraccio mi cucco
malinconico digiuno
senza nessuno
Io non ho bisogno di te
perchè io non ho bisogno di te
io non ho bisogno di te
perchè io non ho bisogno
delle tue mani mi basto sola
E ammazzo il tempo bevendo
caffe’ nero bollente
in questo nido scaldato
ormai da un sole paziente
che brucia dentro di me
che è forte come il caffe’
un pomeriggio cosi’
oh no non voglio star qui
E poi mi fermo
per guardarmi un istante
le smagliature della vita
sono tante
Un ballo in cucina
e sono ancora bambina
un pranzo da sposa
e buttero’ giu’ qualcosa
e questa voglia che non passa
mentre dentro bussa
Io non ho bisogno di te
perchè io non ho bisogno di te
Io non ho bisogno di te
perchè io non ho bisogno di te
perchè io non ho bisogno di te
perchè io non ho bisogno di te
perchè io non ho bisogno di te
io non ho bisogno di te

Boscoriserva: l’elenco degli articoli (dal 24-2 al 30-4-2014)

  1. boscoriserva n° 1 del 24-2-2014: io prendo da con un piccolo aiuto dai miei amici – I get by with a little help from my friends – Joe Cocker
  2. boscoriserva n° 2 del 25-2-2014: Girando ruota – Spinning Wheel – Blood, Sweat and Tears
  3. Boscoriserva n° 3 del 26-2-2014: A il saltello – At the Hop – Sha Na Na
  4. Boscoriserva n° 4 del 27-2-2014: madre meno figlio – Motherless Child – Sweetwater
  5. boscoriserva n° 5 del 28-2-2014: appartamento: Judy blu occhi – Suite: Judy Blue Eyes – Crosby, Stills & Nash
  6. boscoriserva n° 6 del 3-3-2014: volontari – Volunteers – Jefferson Airplane –
  7. boscoriserva n°6 del 4-3-2014: mia generazione – My Generation – The Who –
  8. boscoriserva n° 7 del 5-3-2014: male maniere – Evil Ways – Santana –
  9. boscoriserva n°9 del 6-3-2014: “strumentale” non c’era – Let it be gone – The Grease Band.
  10. boscoriserva n° 10 del 7-3-2014: ballare a il musica – Dance to the Music – Sly & the Family Stone
  11. boscoriserva n° 11 del 10-3-14: provare – Try – Janis Joplin –
  12. boscoriserva n°12 dell’11-3-14: compleanno di il sole – Birthday of the Sun – Melanie
  13. boscoriserva n° 13 del 12-3-14: s. stefano – St. Stephen – The Grateful Dead –
  14. boscoriserva n° 14 del 13-3-14: amore marcia – Love March – Paul Butterfield Blues Band
  15. boscoriserva n° 15 del 14-3-14: arcobaleni sopra tua tristezza– Rainbows all over your blues – John B. Sebastian –
  16. boscoriserva n°16 del 17-3-2014: Orgoglioso Maria – Proud Mary –
  17. boscoriserva n° 17 del 18-3-2014: l’uomo delle persiane – Blind Man – Mountain –
  18. boscoriserva n° 18 del 19-3-2014: Il peso – The Weight – The Band –
  19. boscoriserva n° 19 del 20-3-2014: libbertà – Freedom – Richie Havens –
  20. boscoriserva n° 20 del 21-3-2014: roccia e anima musica – Rock and Soul Music – Country Joe and the Fish –
  21. boscoriserva n° 22 del 25-3-2014: I’sto andando casa – I’m going home – Ten Years After
  22. boscoriserva n° 23 del 26-3-2014: un cambio è andrà venire – A change is gonna come – Canned Heat
  23. boscoriserva n° 24 del 27-3-2014: 4+20 – Stephen Stills –
  24. boscoriserva n°25 del 28-3-2014: non è Chayya Chayya (ma c’è anche quella) – Ravi Shankar
  25. boscoriserva n° 26 del 31-3-2014: Fuoco – Fire – Jimi Hendrix –
  26. boscoriserva n°27 del 1-4-2014: media città “blu al plurale” – Mean town blues – Johnny Winter
  27. boscoriserva n° 28 del 2-4-2014: anima sacrificio – Soul Sacrifice – Santana –
  28. boscoriserva n° 29 del 3-4-2014: camminand’ giù la riga – Walkin’ down the Line – Arlo Guthrie
  29. boscoriserva n° 21 del 24-3-2014: peccand’ per voi – Sinnin for you – Keif Hartley Band
  30. boscoriserva n° 30 del 4-4-2014: se io era un falegname – If I were a Carpenter – Tim Hardin
  31. boscoriserva n° 31 del 7-4-2014: Jennifer – Bert Sommer
  32. boscoriserva n° 32 dell’8-4-2014: droga negozio furgone guidand’ uomo – Drugstore truck drivin’ man – Joan Baez
  33. avresirocsob -16: sentend’ tuttobene – Feelin’ alright (Joe Cocker)
  34. avresirocsob -15: fragole campi per sempre – Strawberry Fields Forever – versione Richie Havens
  35. avresirocsob -14: solleva tua mano – Raise your Hand – Janis Joplin (versione con Tom Jones)
  36. ocsobavresir -13: Io mettere un dettare lettera per lettera su te – I put a spell on you (versione Screamin’ Jay Hawkins)
  37. avresirocsob -12: vieppiù – More and More – Blood Sweat & Tears –
  38. avresirocsob -11 del 16-4-2014: Io volere a portare te più in alto – I wanna take you Higher – Sly & the Family Stone
  39. avresirocsob -10: nato sotto un cattivo segno – Born Under a Bad Sign –
  40. avresirocsob -9: giornoluce ancora/trovare il costo di libbertà – Daylight again/Find the Cost of Freedom – Crosby, Stills & Nash
  41. avresirocsob -6 del 22-4-2014: persuasione/anima sacrificio (bis) – Persuasion/Soul Sacrifice (bis) – Santana
  42. avresirocsob -5 del 23-4-2014: bella ggente – Beautiful People – Melanie
  43. avresirocsob -4 del 24-4-2014: Occhiovista a la saracinesca – Eyesight to the blind – The Who
  44. avresirocsob -3 del 28-4-2014: Io posso non spiega – I can’t explain – The Who
  45. avresirocsob -2: boscoriserva – Woodstock – Crosby, Stills, Nash & Young
  46. avresirocsob -1: pezzo di mio cuore – Piece of my Heart – Janis Joplin

avresirocsob -1: pezzo di mio cuore

Per chiudere la prima serie di boscoriserva, la scelta è stata veramente semplice. Poteva essere un testa o croce tra Janis e Jimi, ma se volevate l’equivalente di un documentario sul Festival di Woodstock avete sbagliato indirizzo. E quindi tocca Janis, con “Piece of my heart”. Il breve parlato che si ritrova prima della versione Festival dice già abbastanza per oggi, e ve lo riporto qui:

 

…Yeah, I heard that, man | see…l’ho sentito

I mean, how are you out there…are you … ok? | cioè, come state là, state…bene?
you’re not…are you staying stoned and do you have enough | non state…siete storditi abbastanza e avete abbastanza
water and you’ve got a place to sleep and everything? | acqua, e un posto per dormire e tutte cose?

what does that mean? | che vuol dire?…

ha.

because, you know, because we ought to -all of us- you know | perché, sapete, perché dovremmo, sapete
I don’t mean to be preachy, but, we ought to remember, | non voglio fare la saccente, ma dovremmo ricordarci
and that means promoters too that music’s for groovin’ man, | e intendo anche ai promotori, che la musica serve a stare bene, raga
and music is not for putting yourself through bad changes | e che la musica non è per farvi fare dei cambiamenti in peggio
you know, I mean, you don’t have to go take anybody’s shit man | sapete, cioè, non dovete sorbirvi le cazzate degli altri
just to like music. you know what I mean? you don’t? | per farvi piacere la musica, capite quello che intendo?
so if you’re getting more shit than you deserve | per cui -se vi toccano più cazzate di quante ne meritiate
you know what to do about it, man | sapete quello che ci dovete fare, raga
you know, it’s just music. music is supposed to be different than that | sapete…è solo musica. La musica dovrebbe essere differente da quella cosa là.

Poi, se volete una volta di più rendervi conto del segno dei tempi, potete ascoltare anche le versioni di alcune “voci” di riferimento soul di oggi, per esempio Joss Stone.

Ma la versione con cui mi voglio congedare per questa stagione è da un’esibizione di Janis PRIMA del Festival di Woodstock. Il grande tubo ci dice che stavano in Germania nel 1968. Vedete un po’ voi. Quando poi lei andò al Festival e ricordò ai promoter musicali che la musica serve a far stare bene, forse ripensava a quella volta in Germania.

Un saluto e a risentirsi (via blog, vedremo quando, via mail, quando vi pare).

 

“Piece Of My Heart”

Oh, come on, come on, come on, come on! | forza, forza, forza

Didn’t I make you feel like you were the only man – yeah! | Non ti ho fatto sentire come se tu fossi l’unico uomo
An’ didn’t I give you nearly everything that a woman possibly can ? | e non ti ho dato quasi tutto quello che una donna potrebbe dare?
Honey, you know I did! | Bello, sai che l’ho fatto
And each time I tell myself that I, well I think I’ve had enough, | E ogni volta che mi dico che -be’- mi pare di averne avuto abbastanza
But I’m gonna show you, baby, that a woman can be tough. | Ti farò vedere, bello, che una donna può essere tosta

I want you to come on, come on, come on, come on and take it, | Forza, voglio che tu venga e prenda
Take it!
Take another little piece of my heart now, baby! | prenda un altro pezzettino del mio cuore
Oh, oh, break it! | Spezzalo
Break another little bit of my heart now, darling, yeah, yeah, yeah. | Spezza un altro pezzetto..
Oh, oh, have a! | Beccati…
Have another little piece of my heart now, baby, | Beccati un altro pezzetto…
You know you got it if it makes you feel good, | E sai che te lo sarai preso, se ti fa stare bene
Oh, yes indeed. | ma davvero

You’re out on the street looking good, | Sei fuori, per strada, pare che tu stia alla grande
And baby deep down in your heart I guess you know that it ain’t right, | ma in fondo al tuo cuore mi sa che sai che non va bene
Never, never, never, never, never, never hear me when I cry at night, | non mi senti mai, mai, mai, mai, mai, mai quando piango la notte
Babe, and I cry all the time! | bimbo, e io piango tutto il tempo
But each time I tell myself that I, well I can’t stand the pain, | Ma ogni volta che mi dico che, beh, non posso sopportare il dolore
But when you hold me in your arms, I’ll sing it once again. | quando poi mi stringi tra le braccia, mi viene da cantare ancora

I’ll say come on, come on, come on, come on and take it!
Take it!
Take another little piece of my heart now, baby.
Oh, oh, break it!
Break another little bit of my heart now, darling, yeah,
Oh, oh, have a!
Have another little piece of my heart now, baby,
You know you got it, child, if it makes you feel good.

I need you to come on, come on, come on, come on and take it,
Take it!
Take another little piece of my heart now, baby!
Oh, oh, break it!
Break another little bit of my heart, now darling, yeah, c’mon now.
Oh, oh, have a
Have another little piece of my heart now, baby.
You know you got it – whoahhhhh!!

Take it!
Take it! Take another little piece of my heart now, baby,
Oh, oh, break it!
Break another little bit of my heart, now darling, yeah, yeah, yeah, yeah,
Oh, oh, have a
Have another little piece of my heart now, baby, hey,
You know you got it, child, if it makes you feel good.

avresirocsob -2: boscoriserva

20130624-firenze-casa-banconoteLa penultima puntata della prima serie di boscoriserva propone, intenzionalmente, una canzone che non è tratta dal Festival, ma che tratta del Festival ed è stata scritta da uno dei gruppi che ci suonarono e si intitola, non a caso, “Woodstock”.

Che dire, traspare da ogni verso la visione dell’età dell’acquario, la bella storia e quelle cose lì. Il filmato, girato nei giorni pre-festival -o in un set che ci assomiglia molto- sottolinea questi versi e dà un’enfasi leggera alla bella storia:

  • ragazze bionde
  • autobus fricchettoni
  • la campagna
  • il cielo
  • suore sorridenti e consapevoli
  • falegnami decisi e inconsapevoli (delle norme OSHA sulla sicurezza sul lavoro, non ancora ufficialmente vigenti, ma quasi, dato che partirono nel 1971).
  • ecc. ecc.

Alla fine della canzone, il montaggio stacca su una fase di manifesto trip totale di balli notturni, per chiudere con i versi “find the cost of freedom, buried in the ground”, già passato nel boscoriserva -9 del 18-4 scorso.

Dall’altra parte, le cifre più o meno ufficiali ci ricordano che, nella testa degli organizzatori, la tre giorni di pace amore e musica doveva anche avere un biglietto, il cui prezzo rivalutato a oggi si aggirerebbe attorno ai 100 Euro. Al di là del fatto che fosse tanto o poco per l’epoca, è interessante ricordare che il festival di Woodstock -con tutta la passione e l’energia positiva che trasudava- non fu un’operazione a costo zero ma, soprattutto, nacque come idea di business, e poi decisero di abbattere le recinzioni quando videro che il tenerle su avrebbe creato più problemi di ordine pubblico che tutela dell’investimento organizzativo (e comunque oltre centottantamila biglietti gli avevano già venduti).

Morale? Potrebbe essere che la morale non c’è. Ma non vorrei da qui produrre il testo per una nuova canzone di Vasco, né ci vado al massimo.

Invece la morale c’è, cari cittadini-scienziati, ma ne parliamo domani. Per intanto godetevi il rock e le passeggiate a cavallo (mentali, dato che i più di voi non fanno i fantini o i cow boy). “Take it away!” come diceva l’immenso Frank Zappa:

Well I came upon a child of God, he was walking along the road | Be’, incontrai un figlio di Dio, camminava lungo la strada
And I asked him tell me where are you going, this he told me: | gli chiesi “dove stai andando?” e mi disse ciò:
(He) said, I’m going down to Yasgur’s farm, going to join in a rock and roll band. | (Egli) disse: sto andando giù alla fattoria di Yasgur, mi aggregherò a un gruppo rock
Got to get back to the land, and set my soul free. | bisogna che ritorni alla terra e liberi la mia anima

We are stardust, we are golden, we are billion year old carbon, | siamo polvere di stelle, siamo dorati, siamo carbonio di un miliardo di anni fa
And we got to get ourselves back to the garden. | e dobbiamo riportare noi stessi nel giardino

Well, then can I roam beside you? I have come to lose the smog. | be’, posso vagare al tuo fianco? Sono venuto a levarmi dallo smog
And I feel myself a cog in something turning.| e io stesso mi sento un ingranaggio in qualcosa che gira
And maybe it’s the time of year, yes, said maybe it’s the time of man. | e forse è la stagione dell’anno, sì, ho detto forse è la stagione dell’uomo
And I don’t know who I am but life is for learning. | e non so chi io sia, ma la vita è fatta per imparare

We are stardust, we are golden, we are billion year old carbon,
And we got to get ourselves back to the garden.

We are stardust, we are golden, we are billion year old carbon,
And we got to get ourselves back to the garden.

By the time we got to Woodstock, we were half a million strong, | allorché arrivammo a Woodstock, eravamo arrivati a mezzo milione
And everywhere was a song and a celebration. | e dovunque era tutto un canto e una festa
And I dreamed I saw the bomber jet planes riding shotgun in the sky, | e sognai i bombardieri jet che viaggiavano come spari nel cielo
Turning into butterflies above our nation. | trasformarsi in farfalle sopra la nostra nazione

We are stardust, we are golden, we are caught in the devil’s bargain, | siamo polvere di stelle, siamo dorati, siamo presi nel patto col diavolo
And we got to get ourselves back to the garden.

avresirocsob -3 del 28-4-2014: Io posso non spiega

20140401ilcircosietevoiBenvenuti al terzultimo episodio della prima serie di boscoriserva, la rubrica web che in due mesi vi ha proposto una carrellata critica e secondo alcuni un po’ criptica del noto festival rock tenutosi nel 1969 nella fattoria di Max Yasgur.

Se la scelta dei brani proposti giorno per giorno dalla fine di febbraio a oggi nasceva in modo estemporaneo, lìpperlì, la mattina, quando si arriva alla dirittura finale, come i mezzofondisti che girano l’ultima curva prima di infilare il rettilineo dei 100 metri, non si può e non si deve più improvvisare.

La successione degli ultimi tre brani del boscoriserva è determinata da una rigida concatenazione di musica e parole la cui logica, a differenza di quella proposta dagli Who oggi, è spiegabilissima.

E la risposta che vi darete nella spiegazione, a differenza di quello che diceva Quèlo quando interpretava Corrado Guzzanti, non è “sbajjata”. Solo che non può essere trasmessa esplicitamente per iscritto in un mezzo di comunicazione pubblico. E almeno metà delle canzoni di sempre funziona così. Come diceva un noto spiegazionista che mi trovo a citare un giorno sì e uno no, Francesco Guccini, “vedi cara, è difficile spiegare, è difficile capire, se non hai capito già“.

Una quota di privilegiati tra voi al più tardi al novembre scorso aveva notato la combinazione di ponti Pasqua-Liberazione-Primomaggio ed è partita per le ferie il 19 aprile tornando il 4 maggio.

Per tutti gli altri,  nella ripartenza di lunedì, apriamo con qualcosa di salterello, breve ma efficace: I can’t explain degli Who.

Ve ne propongo due versioni: una del 1965, agli esordi del gruppo, e una del 1970, poco dopo il festival (Roger Daltrey in quel periodo non si levava mai la tuta attillata con le decorazioni scintillanti stile supereroe), tanto per vedere gli effetti di cinque anni di vita “impegnata”.

Nel primo video, fa strano che, in un’alternanza di primi piani sui vari musicisit, er chitara compaia solo alla fine. Chi sa com’erano le scuole di regia nel 1965.

Got a feeling inside (Can’t explain) | Ho un sentimento dentro di me (non posso spiegarlo)
It’s a certain kind (Can’t explain) | E’ di un certo qual tipo
I feel hot and cold (Can’t explain) | Mi sento caldo e freddo
Yeah, down in my soul, yeah (Can’t explain) | Sì, giù nel profondo dell’anima

I said … (Can’t explain) | Te sto a ddi’…
I’m feeling good now, yeah, but (Can’t explain) | Ora mi sento bene ma (non posso spiegarlo)

Dizzy in the head and I’m feeling blue | Mi gira la testa e mi sento triste
The things you’ve said, well, maybe they’re true | le cose che hai detto, be’, potrebbero essere vere
I’m gettin’ funny dreams again and again | Faccio questi strani sogni ricorrenti
I know what it means, but … | So che cosa vuol dire ma…

Can’t explain | Non posso spiegarlo
I think it’s love | Penso sia ammore
Try to say it to you | Provo a dirtelo
When I feel blue | Quando mi sento triste e sconsolato

But I can’t explain (Can’t explain) | Ma non posso spiegare
Yeah, hear what I’m saying, girl (Can’t explain) | Sì, ascolta quello che dico, giovane

Dizzy in the head and I’m feeling bad | Ci ho un cerchio alla testa e mi sento male
The things you’ve said have got me real mad | Le cose che hai detto mi hanno fatto davvero arrabbiare
I’m gettin’ funny dreams again and again
I know what it means but

Can’t explain
I think it’s love
Try to say it to you
When I feel blue

But I can’t explain (Can’t explain)
Forgive me one more time, now (Can’t explain) | Ora, perdonami una volta di più|

(INSTRUMENTAL INTERLUDE)

I said I can’t explain, yeah
You drive me out of my mind | mi fai uscire di testa
Yeah, I’m the worrying kind, babe| sì, sono di quelli che si preoccupano
I said I can’t explain

avresirocsob -4 del 24-4-2014: Occhiovista a la saracinesca

Ho visto il film-musical “Tommy” per intero solo una volta. Poi ne ho riascoltato brani sparsi via via. Uno di quelli che più mi rimase impresso nel film è il seguente.

L’imprinting che mi è rimasto è legato alla forma del basso di John Entwhistle, alla forma del riff di basso che accompagna il pezzo, con la pausetta di stacco, all’atmosfera di devozione profana che il pezzo emana.

Poi vai a scoprire che il pezzo è liberamente adattato da un bluesaccio per armonica di Sonny Boy Williamson e ti tocca decidere se -nel semplificarlo e riarrangiarlo- Townsend e soci hanno fatto bene o male.

A sensazione mia sulla musica hanno fatto bene , mentre sul testo hanno fatto male, dato che l’originale è molto più divertente.

Il tema generale, una volta di più è della vista, della cecità (qui allargato anche agli altri sensi, ma partendo dalla vista come n° 1), dei fattori che possono determinarne il miglioramento o il danneggiamento.
E’ curioso che per la maggior parte degli autori di canzoni che mi vengono in mente, il senso più importante risulti la vista, e non l’udito.

Sul tema, comunque, la miglior canzone per me rimane a oggi “Movin’ on up” dei Primal Scream (già passata un paio di volte su queste pagine, nel 2011 e poi nel 2012 ), e con questa vi saluto e vi do appuntamento a lunedì 28 per il -3 del boscoriserva.

Sotto tutte e due le versioni di Eyesight to the Blind

You talk about your woman, | Tu parli della tua donna
I wish you could see mine. | Vorrei farti vedere la mia
You talk about your woman,
I wish you could see mine.
Every time she starts to lovin’ | Ogni volta che comincia ad amare
She brings eyesight to the blind. | Restituisce la vista ai ciechi

You know her daddy gave her magic, | Sai, il su’ babbo le ha dato poteri magici
I can tell by the way she walks. | Lo posso dire da come cammina
Her daddy gave her magic,
I can tell by the way she walks.
Everytime she start to shakin’ | Tutte le volte che comincia a muoversi
The dumb begin to talk. | I muti cominciano a parlare

She’s got the power to heal you, never fear! | Lei ha il potere di curarti – non avere mai paura!
She’s got the power to heal you, never fear!
Just a word from her lips | Basta una parola dalle sue labbra
And the deaf begin to hear. | E i sordi cominciano a sentire

………………………………..

You’ve talking about your woman, I wish to God, man, that you could see
Mine
You’re talking about your woman, I wish to God that you could see mine
Every time the little girl start to loving, she bring eyesight to the blind
Lord, her daddy must been a millionaire, ‘cause I can tell by the way she | il su’ babbo dev’essere stato un miliardario, ché si vede da come cammina
Walk
Her daddy must been a millionaire, because I can tell by the way she walk
Every time she start to loving, the deaf and dumb begin to talk
I remember one Friday morning, we was lying down across the bed | mi ricordo un venerdì mattina, stavamo buttati a letto
Man in the next room a-dying, stopped dying and lift up his head, and said, | uno che stava a mmorì nella stanza accanto, ha smesso di morire ha alzato la testa e ha detto

“Lord, ain’t she pretty, and the whole state know she fine!” | signore, come non è bella, e tutto lo stato sa che lei è eccezionale
Every time she start to loving, she bring eyesight to the blind
(Spoken: All right and all right, now. Lay it on me, lay it on me, lay it
On me
Oh lordy, what a woman, what a woman! )
Yes, I declare she’s pretty and the whole state knows she’s fine
Man, I declare she’s pretty, God knows I declare she’s fine
Every time she starts to loving, whoo, she brings eyesight to the blind
(I’ve got to get out of here, now, let’s go, let’s go, let’s go now)

avresirocsob -5 del 23-4-2014: bella ggente

Trattandosi di un personaggio “minore” nel pantheon del Festival, ho voluto fare qualche indagine in più su Melanie, all’anagrafe Melanie Anne Safka-Schekeryk. La grande W narra che il babbo fosse russo-ucraino (nazionalità mai così scottante come in questi mesi) e la mamma italiana (nazionalità mai così scottante come sempre) e cantante di jazz.

Melanie apre un’intervista del 1991 in una TV locale di Tampa (e per altre cose video locali di Tampa vi invito a visionare Jim non lo sapeva) dicendo che lei non era una hippie, ma una strana.

Uno dei passaggi più interessanti è quando le viene chiesto come ha fatto ad arrivare a suonare a Boscoriserva.
Dice che aveva appena cominciato a cantare, aveva 18 anni, e la casa discografica con cui collaborava aveva un ufficio nello stesso palazzo dove c’erano quelli che organizzavano il Festival. Avendo saputo di questo, si presentò al piano dove stavano gli organizzatori e disse loro che le sarebbe piaciuto molto suonarci. Loro dissero “va bene” e così andò la storia. Pare che avessero già chiuso le bozze del manifesto, per cui Melanie non risulta lì, ma intanto si ritrovò là.

Anche il resto dell’intervista non è male, e potete fare un po’ di esercizio di listening, oltre che vedere una delle dentature più sporgenti dopo Alberto Sordi nel film de I Mostri (solo che la dentatura di Sordi era finta).

Passando al brano in questione, che ci fa entrare nella top 5 verso il boscoriserva live: l’ispirazione è nell’onda di Shiny Happy People dei R.E.M., Imagine di John Lennon, Non, non rien n’à changé dei Poppys o L’ombelico del mondo di Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti: tutti fratelli, amici, insieme, riconciliazione, luce dentro, si può fare.

Se si può fare: facciamolo, e invitiamo pure Melanie. Non ci impermaliremo, e non si impermaliranno coloro che perderanno questo giro di giostra, sapendo che si può sempre salire a quello successivo. L’importante e non fare manovre strane mentre la giostra gira (cfr. Spinning Wheel, boscoriserva n° 2 del 25-2-2014)

Beautiful People Lyrics
“Beautiful People” was written by Glabicki, Michael / Donovan, Jim / Wertz, Jenn /

Berlin, Liz / Dispirito, Jim / Buynak, John / Norman, Patrick.

Beautiful people | Bella ggente
You live in the same world as I do | Vivete nello stesso mondo in cui vivo io
But somehow I never noticed | ma per qualche motivo non vi avevo mai notato
You before today | prima di oggi
I’m ashamed to say | ..mi spiace dirlo

Beautiful people
We share the same back door | condividiamo la stessa uscita del retro di casa
And it isn’t right | e non va tanto bene
We never met before | che non ci si sia mai incontrati
But then | ma del resto
We may never meet again | potremmo non incontrarci mai più
If I weren’t afraid you’d laugh at me | se io non avessi paura, ridereste di me
I would run and take all your hands | io correrei a prendervi per mano
And I’d gather everyone together for a day | e metterei tutti insieme per un giorno
And when we gather’d | e quando saremo tutti insieme
I’ll pass buttons out that say | darei a tutti delle spillette che dicono
Beautiful people | “Bella ggente”
Then you’d never have to be alone | E allora non dovrete più essere soli
‘Cause there’ll always be someone | ché ci sarà sempre qualcuno
With the same button on as you | con la vostra stessa spilletta
Include him in everything you do. | consideratelo in tutto quello che fate

Beautiful people
You ride the same subway | viaggiate sulla stessa metropolitana
As I do ev’ry morning | che uso io tutte le mattine
That’s got to tell you something | e questo fatto deve dirti qualcosa
We’ve got so much in common | abbiamo così tanto in comune
I go the same direction that you do | io vado nella stessa direzione in cui vai te
So if you take care of me | per cui se tu ti prendi cura di me
Maybe I’ll take care of you | magari io mi prenderò cura di te

Beautiful people
You look like friends of mine | ci avete l’aria di essere amici miei
And it’s about time | ed è proprio il momento
That someone said it here and now | che qualcuno lo dica, qui ed ora
I make a vow that some time, somehow | io prometto che a un certo punto, in qualche

modo
I’ll have a meeting | organizzerò un ritrovo
Invite ev’ryone you know | invitate tutti quelli che conoscete
I’ll pass out buttons to | io distribuirò le spillette a
The ones who come to show | quelli che si faranno vedere
Beautiful people | bella ggente
Never have to be alone
‘Cause there’ll always be someone
With the same button on as you
Include him in ev’rything you do
He may be sitting right next to you
He may be beautiful people too
And if you take care of him
Maybe I’ll take care of you
And if you take care of him
Maybe I’ll take care of you…
Because I’m a beautiful people too……