Tutti gli articoli di pibinko

2019 (Marco Chiavistrelli)

Un anno orribile, con il divieto all’umanità come filo conduttore pestifero. Contro i migranti, per schiacciarli nei lager libici, contro i Rom, con il perbenismo cattivo dei più, contro le donne da riportare al medioevo. Davvero un brutto viaggio in Italia.

Il 3 giugno della rete pibinko.org

[sulla base dell’ECSPObag del 3 giugno 2015: Tô saindo di Ana Carolina]

Vi sentite più scienzici o politiati?

[nell’immagine di testa: chi dei due è lo scienziato e chi il politico? e soprattutto: di chi è il monociclo?]

Un nuovo conco(r)so da pibinko.org per inaugurare la “fase tre”: avendo a che fare da oltre quindici anni con organizzazioni che scientifiche che in vario modo fanno supporto alle decisioni per politici (cfr. approfondimento), mi sono reso conto nel tempo che le cose funzionano bene quando i ruoli sono chiari e chi li occupa è consapevole del proprio e di quello degli altri. Un po’ come dappertutto.

Nel caso della relazione tra scienza e politica, finora ho capito che la scienza (e la ricerca tecnologica) hanno bisogno della politica che gli dia degli obiettivi collegati alle esigenze terrene, e che la politica ha bisogno della scienza (e della ricerca tecnologica) per dare una sostanza a delle idee. Fin qui, tutto bene.

Questa immagine è presa da un articolo tecnico-scientifico o da una campagna di qualche tipo?

In parallelo, ci sono via via casi in cui può capitare di trovare politici che si mettono a fare i tecnici (magari perché lo erano già prima di entrare in politica…difficile che un politico realizzato decida di mettersi a fare lo scienziato). Più di frequente capita il caso dello scienziato che vuole fare il politico. Come in tutte le cose: è sempre benvenuta la volontà di cimentarsi con sfide nuove, se non sono sostenute a spese di altri.

Chi dei due è lo scienziato, e chi il politico?

Se siete un politico che si è messo a fare lo scienziato, o se siete uno scienziato che si è messo a fare politica (esempi: raccolta firme a sostegno di cause, contatti con assessori, consiglieri, parlamentari in relazione ai temi su cui fate ricerca, candidature in liste elettorali ecc), scrivete a micalosapevo@pibinko.org e vedremo di creare un quadro di queste storie. Potreste essere diventati politiciati, scienzici (figure dalla professionalità interdisciplinare e importante in questo mondo sempre più complesso), e allora abbiamo bisogno di parlare con voi. Oppure potrebbe essere che non stiate facendo il miglio uso del vostro tempo e delle risorse su cui avete potere di firma, e allora abbiamo bisogno di parlare con voi.

Chi dei due è lo scienziato e chi il politico?

Lettura consigliata:

La “fase due” di Marco Chiavistrelli: quindici brani per riaccendere l’estate italiana con impegno

Marco Chiavistrelli, cantautore toscano sulle barricate musicali dal 1973, torna a confrontarsi col pubblico dopo un inverno in studio e due mesi di lockdown fuori casa: per questioni familiari si è ritrovato a passare la Fase 1 dell’emergenza COVID in un appartamento sulla spiaggia di Follonica (GR), e ne ha approfittato per terminare la produzione di quindici brani che spaziano sui temi a lui da sempre cari: società, diritti, ambiente, inclusione.

Marco Chiavistrelli a Follonica (GR), maggio 2020

Le uscite dei nuovi brani sono state suddivise in tre “volumi” e saranno diffuse sul canale BandCamp di Marco Chiavistrelli (https://marcochiavistrelli.bandcamp.com) a partire dal primo giugno 2020.

La prima uscita, comprenderà dodici brani, che rappresentano la selezione più significativa tra i lavori registrati nel corso dell’autunno 2019, e a seguire potrete ascoltare gli altri.

Tra questi avremo poi un brani suonati assieme alla Jug Band Colline Metallifere, un collettivo internazionale e intergenerazionale di base nel sud della Toscana, non lontano dalla Valdera dove Chiavistrelli risiede.

Oltre alle tracce musicali, saranno pubblicati anche alcuni video sul canale Youtube di Marco (https://www.youtube.com/channel/UCAM5P-LNwJwZveQ0QiXhAiQ), dove potrete trovare anche altri suoi lavori.

La produzione è stata curata da Nicola Baronti e Simone Sandrucci de La Tana del Bianconiglio di Montecchio di Peccioli (PI).

Per informazioni:

Muretto 42 (Notizie pibjbcm del 30.5.2020)

[sottofondo consigliato: la prima traccia del primo album degli Etruschi from Lakota]

Con la Jug Band Colline Metallifere e Mauro Tirannosauro abbiamo dedicato tempo nello scorso mese a prepararci per essere operativi con performance, presentazioni, talk+sing show, recital eccetera. In particolare abbiamo:

  • messo a punto il nostro metodo di valutazione per quanto riguarda spazi e i distanziamenti (avvalendoci anche del nostro background ingegneristico)
  • aggiornato la scaletta dei pezzi, con vari brani originali nuovi
  • abbiamo un format che può essere adattato a molte situazioni diverse, e una formazione a geometria variabile che può funzionare da 1 a 5 persone a seconda dello spazio.
  • abbiamo in effetti già rodato questo sistema a partire dal novembre 2018, e nelle scorse settimane abbiamo iniziato a fare piccole prove di tramissione per validarlo in questa fase: funziona ;)
  • attivato una pagina da cui potrete vedere via via come si andrà a comporre la tournée estiva (e capire quali date sono libere, se vi interessa ingaggiare la JBCM in una delle sue forme): http://www.pibinko.org/jugbandcollinemetallifere/calendario/

Se siete interessati a capire come inserire la Jug Band Colline Metallifere nelle vostre attività scrivete a info@pibinko.org o contattate il 3317539228.

Varie ed eventuali

Mauro Tirannosauro ne ha combinate quasi quante Carlo in Francia: è stato al mare, ha risolto puzzle, iniziato a scrivere sceneggiature ecc.. trovate tutto qui: http://www.pibinko.org/jugbandcollinemetallifere/tag/maurotrex/

Inoltre segnaliamo, negli scorsi sette giorni: