23-3-2017: il decennale della Prima Mondiale de “La Vendetta del Chihuahua Killer e degli Zombi”

NOTA: oltre all’articolo potete consultare la scheda sul film nella sezione ¬†approfondimenti. L√¨ trovate tutti i trailer, la sceneggiatura, l’intervista con il regista e quella con il chihuahua e le traduzioni del titolo in una ventinadi varianti ecc. ecc.

Il 23 marzo 2007…

…dopo circa quattro mesi di lavorazione tra la Zona 9 di Milano, Bollate, e soprattutto Rho si teneva la prima mondiale de “La Vendetta del Chihuahua Killer e degli zombi“, per la regia di Lucio Monocrom, coprodotto dallo stesso Monocrom assieme a pibinko, sotto l’etichetta “Quinto Quadrante”.¬†La proiezione fu presso la Fornace di Rho, alla presenza di decine di cinefili: un pubblico di nicchia, ma volitivo e curioso.

L’opera pose le basi per un gruppo di lavoro che sotto la sapiente direzione di Lucio Monocom realizz√≤ poi un altro cortometaggio lungo (Ermanno X: la notizia che uccide, nel 2009) e poi, con l’aggiunta di ulteriori elementi, ¬†il lungometraggio “Mostri di media dimensione” nel 2013, rimontato in sei episodi web nel 2016. In parallelo, il versante pibinko del Quinto Quadrante ha seguito il filone dei cortometraggi e delle docufiction senza bilanciamento del bianco, con quasi quaranta opere realizzate.

Che cosa abbiamo fatto

Lasciando ai critici cinematografici le recensioni, possiamo dire che tutte le opere, e in particolare “La vendetta…”, sono stati veri e propri laboratori che hanno messo in moto gruppi di lavoro su dei progetti: momenti di aggregazione finalizzata a un obiettivo.

Graziana Pagano (Lara) e Pietro Porro (Mario), dopo aver sentito un rumore sospetto.

Questi progetti misero a sistema energie creative, ¬†competenze pi√Ļ o meno professionali -con tutta la gamma da laureati in regia a attori pescati per la strada- spazi non inizialmente pensati per il cinema che diventavano set, musicanti e musicisti che rimettevano in funzione multieffetti per chitarra parcheggiati da anni, libri sepolti in vecchie cantine, e riflessioni su licenze innovative per la distribuzione di contenuti artistici (il film fu rilasciato con licenza Creative Commons).

Qualcuno scriveva di Matrix, uscito dieci anni prima, che va visto tre volte: la prima per gli effetti speciali, la seconda per la storia, e la terza per il significato. La Vendetta del Chihuahua Killer ha pochissimi effetti speciali, per cui proporrei di saltare la prima proiezione e di passare direttamente alla seconda.

Con questa potete seguire la storia, un po’ lenta ma significativa dell’epoca di stallo che erano i primi anni del terzo millenio. Poi potrete vedere il film per la terza volta, e scoprirete che non √® fiction, ma documentario e che non √® un film dell’orrore. Per alcuni aspetti, e volendo forzare il gioco di parole, si dovrebbe dire che √® un film dell’errore, ma forse, senza sofismi, si pu√≤ a tutti gli effetti dire che √® un film dell’errare. Riflette infatti il punto di vista di un ricercatore che si trovava per un incidente dei sistemi di navigazione tra la Sardegna e la Maremma, ed era atterrato a Rho.

Sinossi (dalla copertina del DVD)

Lo scorrere placido della vita in una ridente cittadina dell’alto milanese viene sconvolta dalla comparsa di una creatura immonda dai poteri soprannaturali che neanche la mente di H.P. Lovecraft avrebbe potuto concepire.

Lara e Mario, ragazzi curiosi ma incauti, pagheranno con la vita la violazione di domicilio, in sintornia con i pi√Ļ recenti sviluppi della giurisprudenza locale.

Solo in non vivi non possono morire…solo in non morti non possono vivere…TUTTI pagano col bancomat.

Come fu distribuito il film

Università Statale di Milano

Nel 2007-2008 l’opera fu proiettata diverse volte, alternando spazi di Milano e hinterland a occasioni extra-metropolitane, come il Creative Commons Festival di Vigheffio (PR), il Grosseto Free Image Festival, la Notte Rosa a Meldola e alcune proiezioni in locali poco raccomandabili a Porto e Chicago, Illinois.

Creative Commons Festival 2008 – Vigheffio (PR)
Porto “aftershow” della conferenza INSPIRE (luglio 2007)

Si pose poi un caso abbastanza raro, se non inedito: nello stesso periodo delle proiezioni, l’opera circol√≤ anche in un circuito home video.

Il tutto avvenne con il protocollo DMIM (“di mano in mano”). Eravamo nell’epoca dei programmi dei siti e delle cose il prefisso e- (eMule, edreams, eGovernment), prima dell’epoca dei programmi e di sito con il prefissio you-, poi affiancato ai programmi e i siti con il prefisso “I”.¬†Era la stagione in cui il peer-to-peer la faceva da padrone, e c’erano personaggi che da quanto tempo passavano a scaricare venivano chiamati “camalli”. Per ovviare al problema che mette in crisi qualsiasi produzione non-major (siano libri, dischi, o fagioli secchi) ovvero la distribuzione, il passo pi√Ļ semplice sarebbe stato caricare il film su eMule e “bona l√©“.

Cristian Cucinelli legge “Un Mondo Misterioso”

Ma i produttori non vollero fare questo passo: uno disse che passavano gi√† abbastanza tempo al computer e non vedevano valore n√© per s√© ne per il potenziale pubblico nel fatto che il film fosse scaricabile, n√© soprattutto di passare mezz’ora a fare l’upload.¬†L’altro non disse di no (e anche lui era abbastanza impegnato su vari fronti). Fatta la somma si conven√¨ che la proiezione doveva essere un momento sociale, e cos√¨ fu, sia per la parte di proiezioni che di home video.

 

Mediazione linguistica

Come ricord√≤ pi√Ļ volte¬†Lucio Monocrom: “nel cinema italiano il regionalismo √® un aspetto fondamentale“. Fondendo questa istanza con una visione non regionalistica delle cose, il film fu da subito sottotitolato in inglese, con la traduzione realizzata da un nativo americano di nove anni, ed ebbe la traduzione in tedesco dei sottotitoli (da montare in postproduzione). Ma soprattutto ebbe la traduzione del titolo in ventinove tra lingue e dialetti. Tra le perle, il geroglifico egizio. Tutte le traduzioni furono reperite, come esercizio di stile, senza ricorrere a internet: no mailing list di traduttori, no siti di traduzioni e cos√¨ via: solo contatti di persona nel mondo fisico.

La traduzione in geroglifico egizio del titolo (grazie a Susanna Moser)

 

La Musica

Come si sa, la musica √® importante in tutta la produzione pibinko.org, e anche qui lo fu. La colonna sonora, oltre a un cameo di Xabier Iriondo (poi rientrato negli Afterhours ma dieci anni fa in una pausa di riflessione in cui vendeva strumenti vintage e/o customizzati nel quartiere Isola di Milano), abbiamo contributi di Lucio Gentilucci al piano, Luca Guerrieri DJ, e dello stesso pibinko in alcuni riff inquietanti grazie ai multieffetti di Elio “Stone” Altese.

Il grande MA della digitalizzazione

Nell’imminenza del decennale le piattaforme sono cambiate, le serie web sono quasi pi√Ļ di quelle televisive, e i limiti sulla durata dei video che possono essere caricati sono stati azzerati dai provider, nel nome del 5G, della banda larga, e della pervasivit√† dei contenuti digitali.

Cristian Pogliani: quattro ore seduto in un armadio e non sentirle

La prima cosa da fare, fino a tre mesi fa, doveva quindi essere quella di rendere “La Vendetta del Chihuahua killer” disponibile in streaming, poi fare un comunicato carino, e invitare tutta la nostra rete sociale a guardarlo.

Ora: √® vero che pibinko ha realizzato anche un cortometraggio che ha superato le centomila visualizzazioni¬†in rete…√® vero che Lucio Monocrom nella Milano che sconta ha un pubblico di aficionados ormai attrezzati di WI-FI e tutte le periferiche del caso.

Ma il grande “MA” si ripropone: ma quale sar√† il valore aggiunto, nella catena di iniziative ed eventi che si sono snodati dall’inverno 2006-2007 a oggi, e di quelle che ci piacerebbe sviluppare per i prossimi dieci anni, di avere una persona che passa mezz’ora in rete a caricare un film e qualche centinaio, mettiamo anche qualche migliaio, di persone che poi, in rete, passeranno al massimo 27 minuti (se vogliono arrivare in fondo) a riguardarlo?

Se mi riuscite a spiegare che questo valore sarà superiore alla possibilità di organizzare nei prossimi cinque-sei mesi tre o quattro proiezioni in spazi pubblici, con amici, conoscenti e pubblico pogante allora pubblicheremo il film su una piattaforma di streaming.

Miller, il chihuahua killer, in un atteggiamento particolarmente minaccioso

Altrimenti: rimanete sintonizzati su questo blog e sul calendario  per sapere quando sarà il prossimo spettacolo, oppure  contattateci per tagliare la testa al toro e organizzare una proiezione in un vostro spazio.

Ultimo, ma non ultimo: stiamo meditando di ristampare alcune copie del DVD, e comunque ci fa piacere nel corso dei prossimi mesi di riproporre alcune proiezioni…se vi interessa una copia autografata e con contenuti speciali, fatevi vivi.

…e mi raccomando: ora tutti alla sezione “Approfondimenti” per i contenuti extra.

iniziato il 20-3-2017 a Scansano – chiuso alle 6.50 del 23-3-2017 – Torniella