Archivi tag: Milano

Speciale m(‘)appare e BuioMetria Partecipativa – appuntamenti a Milano (5-12) e Roma (7-12)

Supplemento alle notizie pibinko.org del 3-12 per ricordare quattro appuntamenti per la settimana in corso, prima a Milano e poi a Roma:

Oggi (5-12) alle ore 10 saremo su Snooze di Radio Popolare Milano per parlare degli sviluppi del progetto m(‘)appare Milano 2 con la buioMetria. A Milano e dintorni allargati su FM 107.6 o in streaming su www.radiopopolare.it

Sempre il 5-12, dalle 18.30 alle 21.30, appuntamento a Milano intorno al primo ponte sul Naviglio Pavese (tra via Gola e Via Lagrange)  per m(‘)appare Milano 2 con la buioMetria – vedi dettagli)

Venerdì 7-12 a Roma, sarò all’Isola della Sostenibilità (ex mattatoio, Testaccio) con due interventi

alle 10.30 su m(‘)appare la memoria del territorio (a partire dal caso della mappa di comunità della Val di Farma)

tra le 16.30 e le 17.30 per un incontro sull’inquinamento luminoso, assieme ad altri ospiti (vedi dettagli)

Per informazioni: info@pibinko.org

5-12-2018 Milano – Aspettando il Festival d’inverno in Val di Farma con la buioMetria e m(‘)appare Milano 2 al primo ponte del Naviglio Pavese

Madrid?

Dopo una trasferta interessante a Madrid (foto), si prosegue verso il 3° Festival d’Inverno in Val di Farma, sulla scia di mappe libere, buiometria partecipativa e musica dal vivo..la storia la trovate scorrendo http://www.pibinko.org/notizie

 

Il prossimo appuntamento pubblico sarà a Milano mercoledì 5-12-2018. Ritrovo in corrispondenza del primo ponte del naviglio pavese, partendo dalla Darsena (per capirsi quello che congiunge via Emilio Gola con via Giuseppe Lagrange).

Saremo lì con chi ci può essere fra le 18.30 e le 21.30. Avremo modo di fare

  • misure di buiometria partecipativa (alias di brillanza del cielo notturno)
  • m(‘)appare Milano 2
  • per chi arriva sul presto e fino ad esaurimento, un po’ di degustazione di prodotti tipici maremmani sbarcati freschi freschi.
  • varie ed eventuali

L’orario sarà non accademico, come anche la maggior parte del resto della manifestazione.

Chi fosse interessato a partecipare in modo attivo può inviare un e-mail a bmp@pibinko.org entro le ore 18.30  di martedì 4-12-2018.

M(‘)appare Milano 2 – ep. 1 – quando fare le misure

Per fare misure corrette con il buiometro ci sono varie condizioni da rispettare. La prima riguarda l’assenza di luna e di sole.

Controllando le effemeridi di questi due corpi celesti, e incrociando l’orario di levata e di tramonto della luna con l’inizio e la fine della notte astronomica, si deduce che tra novembre e dicembre:

Dal punto di vista del sole: tra le 19 e le 5 del mattino non si baglia.

Dal punto di vista della luna: le misure si potevano fare da ieri,  26 novembre fino al 19 dicembre, in una fasce orarie diverse, controllando l’orario di levata e di tramonto.

Sotto i dati di partenza, giorno per giorno dal 26-11-2018. Per ulteriori informazioni, bmp@pibinko.org.

Per conoscere il progetto vedi anche la pagina di m(‘)appare milano 2

 

  Luna   Sole  
Data Sorge Tram. Inizio Crep. Fine Crep.
26 Lu 20h01m 10h34m 05h38m 18h26m
27 Ma 21h10m 11h29m 05h39m 18h26m
28 Me 22h22m 12h15m 05h40m 18h26m
29 Gi 23h34m 12h53m 05h40m 18h25m
30 Ve 00h45m 13h27m 05h41m 18h25m
01 Sa   13h57m 05h42m 18h25m
02 Do 01h55m 14h25m 05h43m 18h25m
03 Lu 03h03m 14h53m 05h44m 18h25m
04 Ma 04h10m 15h22m 05h45m 18h24m
05 Me 05h16m 15h53m 05h46m 18h24m
06 Gi 06h20m 16h27m 05h47m 18h24m
07 Ve 07h22m 17h06m 05h48m 18h24m
08 Sa 08h20m 17h49m 05h49m 18h24m
09 Do 09h13m 18h37m 05h50m 18h24m
10 Lu 10h00m 19h30m 05h50m 18h25m
11 Ma 10h42m 20h25m 05h51m 18h25m
12 Me 11h18m 21h23m 05h52m 18h25m
13 Gi 11h49m 22h22m 05h53m 18h25m
14 Ve 12h17m 23h21m 05h53m 18h25m
15 Sa 12h44m   05h54m 18h26m
16 Do 13h09m 00h22m 05h55m 18h26m
17 Lu 13h35m 01h24m 05h55m 18h26m
18 Ma 14h02m 02h28m 05h56m 18h27m
19 Me 14h32m 03h35m 05h56m 18h27m
20 Gi 15h07m 04h45m 05h57m 18h28m
21 Ve 15h50m 05h57m 05h58m 18h28m
22 Sa 16h41m 07h09m 05h58m 18h29m
23 Do 17h41m 08h17m 05h59m 18h29m

Fonte: marcomenichelli.it

22-11-2018 – Com’è andata a Milano? Politecnico, BuioMetria e dintorni

Giornata luuuunga.

Ore 6.50 – collegamento con Snooze di Radio Popolare Milano per l’annuncio del primo buiometrista cittadino nella campagna per m(‘)appare Milano 2 (riascolta podcast)

Ore 10-13.45 riunioni

Ore 14 – Aula G1 di Architettura – allestimento set

Ore 14.30 – inizio lezione su Pianificare l’altra metà del paesaggio con la BuioMetria Partecipativa , con sigla di apertura in beatboxing con Manuel Schianchi

Ore 15.45 – fine lezione, con selezione di quattro buiometristi studenti

Ore 16.00 – trasferimento al DIIAR sezione Idraulica per istruzioni dettagliate su avvio misurazioni buiometriche e accordatura chitarra.

Ore 18 – partenza dal Politecnico per raggiungere il bar “Da Livio” (che non si chiama così, il bar, non Livio), per la consegna del secondo buiometro al primo BuioMetrista cittadino, Sir Joe (a destra nella foto di repertorio).

Sir Joe (a destra), avviatore per la squadra “cittadini” di m(‘)appare Milano 2, mostra la custodia autocostruita per il buiometro.
La custodia autocostruita per il buiometro (in fase di completamento)
La consegna del buiometro al DIIAR del Politecnico – fuori campo Mouna Feki, Madelein Reinhart, Osman Bari, Caitlin Paridy (gli studenti che si sono fatti avanti per eseguire le misure)
Photo opportunity per il passaggio di mano del buiometro al Politecnico di Milano. A sinistra Giuseppe Milleo, a destra Andrea Giacomelli (pibinko). Foto di Alessandro Ceppi.
Invasione di Api mutanti all’inizio di corso di Porta Romana.

22-11-2018 – Snooze (Radio Popolare Milano) – M(‘)appare Milano 2 – assegnazione del BuioMetro a Sir Joe, commercialista mattiniero

Riascoltate il podcast:

Per partecipare alla campagna m(‘)appare Milano 2 della BuioMetria Partecipativa: bmp@pibinko.org oppure snooze@radiopopolare.it .

Per informazioni sul progetto: http://www.pibinko.org/mappare-milano-2/

Giovedì 22-11-2018 al Politecnico di Milano per pianificare l’altra metà del paesaggio con la BuioMetria Partecipativa

Giovedì 22-11-2018 dalle 14.30 alle 15.30 nell’ambito del corso di pianificazione del paesaggio della Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano in via Bonardi si terrà un seminario dal titolo Planning the “upper half of the landscape” (pianificare l’altra metà del paesaggio) in cui si spiegherà il punto di vista della BuioMetria Partecipativa su questo tema. Il seminario sarà tenuto in inglese, come il resto del corso.
Non è la prima volta che la BuioMetria Partecipativa passa al Politecnico (2011, 2014, 2015, 2017), e nemmeno la prima volta che si parla con gli architetti (2014, Summer School a Porto), ma è la prima volta che si parla con gli architetti del Politecnico – e questo per un ingegnere (e dottore di ricerca) del Politecnico è una notizia.
Ora che ci penso bene, non è nemmeno la prima volta in questo senso: con gli architetti del Poli si parlò anche nel luglio 2008, al termine della campagna per m(‘)appare Milano – che guarda caso era partita negli stessi mesi in cui nacque la BuioMetria Partecipativa. Cfr. questa pagina sul m(‘)appare e questo video per un reportage sulla prima uscita di m(‘)appare Milano (6 aprile 2008).
L’evento finale della campagna per m(‘)appare Milano, presso la Facoltà di Architettura del Politecnico (3-7-2008)
Al di là degli amarcord (o dell’opportunità di collocare un progetto in una prospettiva temporale)…di seguito il tema che si proporrà la settimana prossima.
Chi fosse impossibilitato a partecipare, ma interessato a ulteriori delucidazioni, può scrivere a bmp@pibinko.org.
Pianificare l’altra metà del paesaggio – di Andrea Giacomelli (pibinko)
Rocca di Montemassi (GR) con Via Lattea e alcuni centri abitati maremmani – F. Giussani 2015.

Le persone tendono a pensare alla pianificazione paesaggistica come una disciplina che riguarda elementi connessi al terreno, con il cielo come sfondo per i progetti e le attività che svolgiamo “per terra”.

In effetti, di notte, le infrastrutture di illuminazione hanno un impatto sulle condizioni del cielo notturno che non è solo estetico (con la riduzione della nostra capacità di contemplare un cielo stellato per l’eccesso di flusso luminoso diretto verso l’alto), ma ha anche rilevanti effetti su ecologia, astronomia, salute, sicurezza, e gestione energetica.
In tale contesto, il cielo notturno come “altra metà del paesaggio” acquista un peso che prima non aveva, e ci può suggerire indicazioni pianificatorie che possiamo ricollegare agli elementi “terreni” che possiamo controllare.
Sembrerà strano, ma troveremo che le azioni di mitigazione dell’inquinamento luminoso non sono in contrasto con livelli di illuminazione adeguati a garantire sicurezza per veicoli e persone, e che una maggior consapevolezza degli effetti della luce artificiale notturna ci indica nuove direzioni su linee guida e norme tecniche, che i pianificatori potrebbero voler considerare.
Per quanto tale consapevolezza sia aumentata negli scorsi venti anni, gli impianti di illuminazione stanno cambiando molto alla svelta, e forse non sempre in direzioni allineate con i più recenti studi sugli effetti della luce artificiale notturna. Per questo motivo è importante consolidare un approccio interdisciplinare alla materia.
Il seminario offrirà:
(1) una rassegna della questione inquinamento luminoso e delle misure per ridurlo, da vari punti di vista
(2) alcune idee sull’utilizzo sostenibile dei cieli stellati come risorsa per il turismo e la didattica
(3) la presentazione di esperienze fatte dal gruppo di lavoro del relatore, in cui anche gli studenti potranno essere coinvolti nel 2019.
……
Andrea Giacomelli, Dottore di ricerca in idrologia (1997), Ingegnere civile per la difesa del suolo e la pianificazione territoriale (1993)
Dopo gli studi universitari (al Politecnico di Milano e all’università di  Gent, Belgio), ha lavorato per cinque anni nel gruppo di modellistica ambientale del Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna,  per otto nella sede di Milano di una multinazionale di ingegneria ambientale, e dal 2011 opera come free lance di base nelle colline metallifere grossetane.
Le sue attività riguardano una parte di servizi “tradizionali” (anzitutto consulenze su sistemi informativi territoriali, gestione dati ambientali, e informatica più in generale), e una parte di progetti innovativi riguardanti la promozione interdisciplinare di risorse poco note, e integrando cultura, ambiente e innovazione libera.
Il suo progetto principale nel settore ambientale è la BuioMetria Partecipativa. Lanciata nel 2008, questa include attività di citizen science per il monitoraggio della qualità del cielo notturno, eventi di divulgazione e altri sottoprogetti, prevalentemente mirati alla promozione di aree rurali interne. Avviata come piccola iniziativa di una comunità locale, il progetto ha poi innescato sviluppi rilevanti, con premi sull’innovazione socio-tecnologica, frequente visibilità sui media nazionali, e di fatto con innescando la creazione di una rete nazionale interdisciplinare su questo tema, con interessanti raccordi all’estero.
Per ulteriori informazioni: bmp@pibinko.org

24-3-18: Paesaggi dalla bassa Toscana a Milano per spiegare la qualità del cielo notturno a Fa’ la Cosa Giusta

La luce artificiale è per l’Uomo una risorsa fondamentale, che ha rappresentato nella storia un elemento chiave per lo sviluppo della società. In parallelo, l’eccesso di luce artificiale, creatosi nei decenni con la proliferazione di impianti di illuminazione mal progettati ci ha portato a scordarci di un elemento: il cielo notturno.

La crescente difficoltà di vedere le stelle di notte non è solo un problema soggettivo o puramente estetico, ma si collega alla diffusione dell’inquinamento luminoso, con effetti su ecologia, astronomia, salute umana, sicurezza ed efficienza energetica.

Sabato 24 marzo dalle 14 alle 15 a Fa’ la Cosa Giusta (Fiera Milano City) nello spazio “Piazza Viaggiatori” avrete un’occasione per scoprire l’altra metà del paesaggio, quella notturna, attraverso una carrellata di immagini raccolte da Federico Giussani, fotografo grossetano.
La bassa Toscana è in effetti una delle poche zone in Italia in cui oggi si conserva un cielo notturno di ottima qualità, seppure in un quadro mutevole che -analogamente ad altre zone di pregio da questo punto di vista- sarebbe opportuno tutelare (obiettivo che opportune linee guida di progetto consentirebbero di ottenere senza compromettere le esigenze di sicurezza legate all’illuminazione).
Giussani sarà accompagnato da Luciano Massetti del CNR IBIMET di Firenze che presenterà alcuni aspetti scientifici dell’inquinamento luminoso, e  da Andrea Giacomelli, promotore dal 2008 del progetto BuioMetria Partecipativa, che illustrerà come tutti possiamo contribuire attivamente al monitoraggio e alla protezione del cielo notturno.
Per informazioni: info@pibinko.org

Vedi annuncio ufficiale sul sito di Fa’ la Cosa Giusta

(foto di Federico Giussani)