Archivi categoria: branobag

branobag dell’11-5-19: Silence

[prima edizione 13-4-2015]

couch_gatti


La versione da disco è un poco più pulita e si apprezza meglio il gioco di basso, e il gioco da Beatles, ma è sempre interessante vedere il gruppo dal vivo.

“Silence”

I’ve been caught in a trap I set for myself
I don’t want to be here when you could be somewhere else
So why’d I sit on my hands like a book on a shelf
Where nothing but dust is falling?
Everyone ‘round here lives in silence

If I had something to say I’d say what I mean
How’d you lose all your words? I swear it’s obscene, I curse
How’d you look at yourself as the mirror turns green?
Yeah, only the fools ignore us
Everyone ‘round here lives in silence

I could wait all my life for someone to think
I can’t open your eyes but I can make you blink at me
So please don’t try to be nice, don’t need your advice
Please leave me to die of boredom
Everyone ‘round here lives in silence

Silence
(They wait for the end)
Silence
(They bow and they bend)
Silence
(Their homes they defend)
Silence

branobag del 9-4-19: Yesterday’s mistakes/Gli sbagli di ieri

[prima edizione 9-9-2012 e poi ecspobag del 2-7-2015]

Enti Comunali Spendono Parecchio Oggi

Un brano molto, molto, molto lieve degli Oi va voi…gruppo anglo-qualcosa-yiddish da Londra. Tutto il disco da cui è tratto questo pezzo è molto, molto, bbello.

Pare che “oi va voi” sia un espressione in Yiddish che vuol dire tipo “o mamma mia”. Alla foce dell’Arno si direbbe “oimmèna”.

bombarde360-mxh-xxr-web

Don’t need another resolution to feel | non ho bisogno di un’altra decisione per avere la sensazione
As though I’m going somewhere, somewhere | di andare da qualche parte

You said you needed me | hai detto che avevi bisogno di me
Or at least that’s what I thought | o almeno, è ciò che ho pensato
At times the memories | a volte i ricordi
Seem to be knocking at my door | pare bussino alla mia porta
I’ve seen the film a million times |ho visto questo film un milione di volte
Feels like I wrote the storyline | sembra che abbia scritto io la sceneggiatura
I refuse to replay | mi rifiuto di ripetere
The mistakes that we made yesterday | gli sbagli che ho fatto ieri

I like to think I’m stronger now | mi piace pensare che sono più forte, ora
Victim of common sense | vittima del senso comune
The truth is that I know I still | la verità è che continuo
Confuse the past with the present tense | a concondere il passato con il “presente prossimo”
Condensing what we had | condensando quello che abbiamo avuto
To a single frame | in una singola immagine
That sticks in my mind | che si incolla alla mia mente
As I try to move on | e mentre cerco di andare avanti
The same image comes back every time | quella stessa immagine ritorna sempre

They were yesterdays mistakes | erano gli errori di ieri-.–
And they were yesterdays mistakes
Yesterday’s mistakes
Somewhere | da qualche parte

Forgive my selfishness | perdona il mio egoismo
I’d be grateful if you can | te ne sarò grato se potrai farlo
Forget my ingratitude | dimentica la mia ingratitudine
You think I’m twice the girl I am | tu pensi che io sia due volte la ragazza che sono
They say we should forgive| dicono che si dovrebbe perdonare
But not forget | ma non dimenticare
What has gone before | quello che è successo in passato
I refuse to replay
The mistakes that we made yesterday

And they were yesterdays mistakes
Yesterday’s mistakes
They were yesterdays mistakes

I refuse to replay
The mistakes that we made yesterday
I refuse to replay
The mistakes that we made yesterday

I refuse to replay
The mistakes that we made yesterday
I refuse to replay
The mistakes that we made yesterday

I refuse to replay
The mistakes that we made yesterday
I refuse to replay
The mistakes that we made yesterday

pibinko.org a Bruxelles, aprile 2019 (EIE WG ed evento DITOs): com’è andata? (notizie pibinko.org dell’8-4-19)

Il prossimo appuntamento, Tatti (GR), sabato 13 aprile

Prima di addentrarci nel resoconto, ricordo che il prossimo appuntamento per vedere dal vivo tutte le cose di cui si parla sotto (tranne gli cioccolatini belgi) sarà sabato 13 aprile a Tatti (GR), dalle 18 alle 20.L’occasione sarà la presentazione della prima versione della mappa di comunità di Tatti, nell’ambito del ciclo di incontri della rete pibinko.org per m(‘)appare le Maremme (vedi vedi articolo). E ora procediamo, sulla base di Bennato che canta “Ma quando arrivi treno…

Fra l’1 e il 4 aprile ho avuto modo di rappresentare la rete pibinko.org in due eventi a Bruxelles, legati al settore della citizen science e più in generale del coinvolgimento delle comunità in attività scientifiche e di ricerca (ovvero del coinvolgimento di scienziati e ricercatori nelle attività delle comunità?).

Si tratta di un tema su cui lavoro in modo crescente dal 2008 (ricordiamo come primi passi la “pubblicità progresso” sull’informazione geografica libera in cui recitano paesani di borghi toscani, o la campagna per m(‘)appare Milano), ma che in effetti mi trovo a elaborare da ben prima, sin dai tempi in cui lavoravo al CRS4, in Sardegna (1997-2002)…ad esempio nel 2000 organizzai un sondaggio sulle competenze regionali nel campo dei sistemi informativi territoriali, raccogliendo circa 120 risposte e da quelle avviando varie iniziative di trasferimento tecnologico col territorio.

Un momento dello workshop “EIE”.

Martedì 2 sono stato allo workshop del gruppo “Empowerment, Inclusiveness, and Equity” della ECSA (European Citizen Science Association). Che vvor di’? E’ un gruppo, composto in parte da ricercatori e in parte di professionisti, che a vario titolo ha a che fare con progetti in cui una parte di esperti di una certa materia deve collaborare con una parte di meno esperti, e si cerca di identificare problemi e soluzioni perché questo processo sia inclusivo, equo, e che possa contribuire alla crescita e allo sviluppo del contesto in cui si svolge. Nello workshop abbiamo ripreso alcune questioni già discusse un paio di mesi fa a Parigi. Ho avuto modo di conoscere nuovi esperti, e presentare le attività complessive della rete pibinko.org ai presenti (una decina). Ho poi proposto la Jug Band dalle Colline Metallifere (JBCM) come “situazione” per facilitare attività di sensibilizzazione e coinvolgimento di vari soggetti…cosa che in effetti stiamo già facendo da diversi mesi in Italia, e che possiamo sviluppare nei prossimi mesi anche nell’ambito del PORGEP2019.

Il giorno dopo la platea si è allargata con l’allestimento di uno stand nello spazio espositivo dell’evento finale del progetto europeo Do-it-together Science (DITOs), nella suggestiva cornice del museo di scienze naturali di Bruxelles. Per l’occasione ho curato l’allestimento del micromuseo itinerante della rete pibinko.org, di condividere con una parte dei circa 150 presenti l’approccio geomusicale su cui si sta lavorando con la JBCM, e anche di proporre qualche brano, su chitarra gentilmente fornita dal museo (dato che in aereo non la potevo portare), coinvolgendo per l’occasione un batterista olandese specializzato in punk hardcore.

Il micromuseo itinerante della rete pibinko.org, versione Bruxelles aprile 2019.

In evidenza in tutti e due i giorni la segnalazione degli eventi pibinko.org di primavera. In particolare il convegno a Brescia su Protezione e promozione interdisciplinare del cielo notturno, e a seguire due settimane dopo la tournée geomusicale della Jug Band Colline Metallifere in Germania, passando dal Politecnico di Milano , che anche voi potete sostenere.

Per ulteriori informazioni: info@pibinko.org o 3317539228

Si ringraziano il progetto DITOs e i responsabili del gruppo di lavoro “EIE” dell’ECSA per l’invito e per il supporto economico sulle spese di viaggio.


branobag del 6-4-19: inglese con pronuncia islandese?

originale del 3/10/12

Sentii per la prima volta questa canzone nel 1993, a latitudini belghe, e mi precipitai a comprare il disco. Per me Björk è la Janis Joplin del terzo millennio, con la variante che non è morta giovane (Janis morì a ventisette…due-sette…anni).
Björk Guðmundsdóttir dice essere nata nel 1965 (la facevo più giovane) e quindi non può tecnicamente essere la reincarnazione di Janis…ma ci possono essere altri fenomeni di trasmigrazione delle anime ecc.

In concreto (come mi dicono una volta al giorno), beccatevi questa…curioso anche sentire la pronuncia della “h” di human (tipo shu-man), che non ho capito se sia tipico degli islandesi…così come tutti i mediterranei parlando inglese dicono spesso “hai ave” al posto di “I have” (ci avete mai fatto caso ???). W l’inglese, che ci fa intendere con sufficienti fraintendimenti in tre quarti del globo e ci fa leggere i testi di tanta musica. Ma anche viva l’islandese, che ce lo fa storpiare così! (chi mi conosce sa che il discorso sulle lingue non può essere chiuso qui ;) ).

per gli aficionados, c’è anche il video originale

“Human Behaviour”

If you ever get close to a human
and human behaviour
be ready to get confused

there’s definitely no logic
to human behaviour
but yet so irresistible

there is no map
to human behaviour

they’re terribly moody
then all of a sudden turn happy
but, oh, to get involved in the exchange
of human emotions is ever so satisfying

there’s no map and
a compass
wouldn’t help at all

human behaviour

branobag del 30-3-19: il rock degli angioletti

prima edizione del 3-12-12

Cari branobagsters, oggi più che al bag vorrei dedicarmi al brano, perché contiene in modo totale il bag.

Questo pezzo lo avrò ascoltato, come tutto il disco Siamese Dream -di cui nei branobag abbiamo già proposto Mayonaise tempo addietro- almeno mille volte, e non basta.

Suggerimenti per l’ascolto

  • se non avete un impianto utile, cercare un amico/a che ne abbia uno, e che questo impianto sia un un posto dove si può fare un po’ di volume per cinque (5 minuti)…non vogliamo arrecare disturbo a vicini non consapevoli.
  • alzare il volume a un livello importante
  • far partire il pezzo
  • inspirare sul leggero attacco di rullante (primo “rullo”)
  • espirare sul secondo
  • mantenere il ritmo del respiro nell’attacco del riff di chitarra (4 x)
  • quando parte la batteria e tutto il resto, fate voi (se dico cosa ho in mente io, che gusto c’è ?)…e magari fatemi sapere come avete interpretato l’ascolto.

Qua propongo la versione dall’album. Se poi volete una vera esperienza “energetica”, provate la versione del release party del disco, nel 1993, e quindi la prima volta che la cantarono per il pubblico (non adatta a tutti).

Sulla traduzione, non sono sicuro di tutti i passaggi…Corgan è un maestro dell’ellissi, dell’ermetismo, e anche dei tagli di capelli un po’ estremi, dei telefilm di fantascienza..insomma: non sarà James Joyce in Ulysses, ma non è semplice da leggere. Più o meno per me dice questo:

Cherub Rock – Il Rock dei cherubini

Freak out | uscite di testa
And give in | e cedete
Doesn’t matter what you believe in | non importa quello in cui credete
Stay cool | state tranquilli
And be somebody’s fool this year | siate lo zimbello di qualcuno per quest’anno
‘cause they know | perché loro sanno
Who is righteous, what is bold | chi è bravo, che cosa è l’essere coraggiosi
So I’m told | così mi dicono

Who wants honey | chi è che vuole il miele [o “le cose dolci”, “i chicchi” in Toscana ?]
As long as there’s some money | fintanto che ci sono i soldi
Who wants that honey? | chi è che vuole quel miele ?

Hipsters unite | gente strana, unitevi
Come align for the big fight to rock for you | mettetevi in fila per la grande ressa per fare rock per voi (o per agitarsi per voi ?)

But beware | ma state attenti
All those angels with their wings glued on | a tutti quegli angioletti con le ali appiccicate
‘cause deep down | perché, in fondo in fondo
We are frightened and we’re scared | siamo spaventati e impauriti
If you don’t stare | se non guardate bene

Who wants honey
As long as there’s some money
Who wants that honey?

Let me out | fatemi uscire
Let me out
Let me out
Let me out

Tell me all of your secrets | dimmi tutti i tuoi segreti
Cannot help but believe this is true | non posso fare a meno di pensare che tutto questo sia vero
Tell me all of your secrets | dimmi tutti i tuoi segreti
I know, I know, I know | lo so, lo so, lo
Should have listened when I was told | avrei dovuto ascoltare, quando mi dicevano (che…)

Who wants honey
As long as there is some money
Who wants that honey?

Let me out
Let me out
Let me out
Let me out

branobag del 29-3-19: Nessuno è prefetto

Questa quasi sicuramente era passata in qualche branobag antico, ma oggi mi serviva ricercarla senza partire dalla ripubblicazione dell’articolo precedente.

E’ la traccia 1 del primo albumo dei Police, Outlandos d’Amour (1978), che pochi ricordano, a favore dei superclassiconi tipo So Lonely e -ancora di piu’- Roxanne. Ma “Next to you” è tantissima roba…un pezzo punk, scritto prima che i tre pischelli entrassero nell’onda reggae.

I can’t stand it for another day | Non posso reggere un’altra giornata
When you live so many miles away | mentre tu vivi cosi lontano
Nothing here is gonna make me stay, | qua non c’è niente che mi faccia restare
You took me over, let me find a way | mi hai sopraffatto, fammi trovare un sistema

I sold my house | ho venduto la casa
I sold my motor, too | ho venduto la macchina
All I want is to be next to you | tutto ciò che voglio è stare vicino a te
I’d rob a bank | potrei rapinare una banca
Maybe steal a plane | magari rubare un aereo
You took me over, | mi hai sopraffatto
Think I’m goin’ insane | mi sa che sto impazzendo

What can I do, | che ci posso fare
All I want is to be next to you | è vicino a te che voglio restare

I’ve had a thousand girls or maybe more, | ho avuto mille ragazze, forse piu’
But I’ve never felt like this before | ma così non mi ero mai sentito
But I just don’t know what’s come over me, | non so che cosa mi abbia preso
You took me over, take a look at me | mi hai sopraffatto, dammi un’occhiata

What can I do,
All I want is to be next to you

So many times I used to give a sign | così tante volte davo un segno
Got this feeling, gonna lose my mind | ho questa sensazione, come di perdere la testa
When all it is is just a love affair | quando questa è solo una storia d’amore
You took me over baby, take me there |mi ha sopraffatto, bella, fammici arrivare

What can I do
All I want is to be next to you

branobag del 28/3/19: Chiara e de Coubertin

[originale del 2/10/2012]

Mentre un certo Luciano Ligabue stava scaldando i motori per prendere il volo che lo portò al Campo Volo, la scena rock italica proponeva perle per le orecchie delle giovani e delle vecchie.

Una di queste ebbi modo di ascoltare in un locale della bassa padana, da una cover band di cui non ricordo il nome, ma non era Carlos Santana.

Della canzone mi rimase in mente questa cosa di “Chiara na na na na” e poi ogni tanto i “na na na” prendono forma…ecco a voi, dei mitici Rats, una performance dal mitico Rolling Stone della mitica Milano del 1993.

Certo che se Chiara avrà ascoltato la canzone, con tutte queste istigazioni a vincere poi magari le sarà venuta l’ansia da prestazione e avrà sbagliato tutti e tre i salti di prova…ma come stava bene mentre era lì che pensava a come appoggiare il primo passo della rincorsa!

Sulle pagine di un ignoto critico web trovai 3-4 anni fa una critica al testo di questo brano, che veniva definito uno dei più insulsi della storia della musica italiana…purtroppo non-ostante la tecnologia dei motori di ricerca e una certa pratichenzia (direbbero a Sassari) non ritrovo ora questa perla di analisi…giudicate quindi indipendentemente…per me il “Chiara na na na na” che rimane dopo l’ascolto è un sacco bbello.

Chiara ho letto il tuo
messaggio sui gradini
della scuola
devi vincere
devi vincere

Chiara ho fatto del mio
meglio per restare in
copertina
devi vincere
devi vincere

Chiara ho fatto un
gioco sporco perche`
sono rotto e stanco
devi vincere
e devi vincere

Chiara dice di no
poi si attacca alla
bocca,
alla bocca che c’ho
Chiara dice stai zitto
e si toglie il vestito e
mi dice si fa…
e ci riuscira’

Chiara ho visto un
bel vestito
tutto rosso fuori moda
devi vincere
devi vincere

Chiara ho speso
quell’assegno guadagnato
in qualche modo
devi vincere
e devi vincere

Chiara dice di no
poi si attacca alla
bocca,
alla bocca che c’ho
Chiara dice stai zitto
e si toglie il vestito e
mi dice si fa…
e ci riuscira’

Chiara ho preso anch’io
quel treno
son tornato l’ho ripreso
devi vincere
devi vincere

Chiara ho fuso
fuori e dentro ma
non sono piu’ confuso
devi vincere
e devi vincere

Chiara adesso lo sa
e si attacca alla bocca,
alla bocca che ha
Chiara dice stai zitto
e si toglie il vestito e
mi dice si fa…
e ci riuscira’

Chiara ho letto il tuo
messaggio sui gradini
della scuola
devi vincere
devi vincere

branobag del 27/3/19: è arrivata la nebbia

prima edizione: 1.10.2012

dal nostro studio mobile stamattina si vede la nebbia. le abbondanti piogge della domenica, oltre a innescare princìpi di raffreddore a tutti quelli che ancora se lo erano risparmiato…

…ma che stiamo a ffare ? si parla del tempo ? il tempo non è una notizia! come mi insegnò il mio non-amico Jens, in Danimarca dicono una cosa tipo “non esiste il cattivo tempo, esistono solo gli abiti sbagliati“.

Traslando la perla di saggezza del roscio e occhialuto danese, mi verrebbe da pensare che “non esistono i cattivi tempi, esistono solo gli ambiti sbagliati“. Sono veramente, ma veramente rare, le condizioni in cui tre persone che si intendano bene sul come combinare qualcosa non riescano poi a combinarlo. Ne bastano tre che siano d’accordo.

Con quattro si diventa fantastici (o apocalittici). In cinque si gioca a briscola chiamata. In sei, lo stesso ma si sta fuori un turno per volta. Con sette si fanno i magnifici. Otto bastano…lo diceva anche il telefilm. A nove ci sono in Nazgul, a dieci il fondamentale disco dei Pearl Jam.

Per oggi, basta contare e via al cantare, su un pezzo che non ha testi, con un video girato nel deserto (giusto per fare un po’ da contrasto alla nebbia di cui sopra)

…da capire se il video è stato girato prima o dopo Zabriskie Point e il Live at Pompei dei Pink Floyd. Il brano, comunque, era la sigla dell’omonimo telefilm (una serie rifatta viene proposta via via sulle reti RAI):

Interessante anche la versione “trent’anni dopo“, con due batterie e sicuramente più matura, anche se molto, molto, molto meno “psssighedeliga”:

Branobag del 26-3-19: no Isabella, quell’altra!

[prima edizione 28-9-12]

In un venerdì come fosse domenica
tra famiglie adatte e atti familiari
trovi il senso di una condotta isterica
rallentando il passo alla Ferrari
(ma accelerando quel ritmo senza pari)

Giancarlo da Miele, Versi con la crostata, Ed. Rambaldi, pp 2345, 2 Euro col resto in gettoni del telefono

Il brano di oggi è, eccezionalmente, una riedizione di un brano già pubblicato come brano bag più di un anno fa, quando nessuno sapeva che esistevano i branobag, durante una trasferta del nostro inviato Flavio a Edimburgo. Riprende il tema di chi vede, chi non vede, chi è ceco e chi è slovacco, ecc. A parte i facili giuochi di parole, fa impressione di sentire persone che vedono “bella luce” in altre persone, “bei contesti”, “belle storie”, “bei ricordi” rievocati da situazioni che stanno nascendo.

Tutta questa bella situèscion suggerisce di riascoltarlo (o di ascoltarlo con attenzione per chi non lo conosce).

E poi fate sapere la vostra

Songwriters: INNES, ANDREW COLIN / GILLESPIE, BOBBY / YOUNG, ROBERT CLEARIE

I was blind, now I can see | Ero cieco, ora ci vedo
You made a believer, out of me | Mi hai fatto diventare un credente
I was blind, now I can see
You made a believer, out of me

I’m movin’ on up now | Ora mi sto muovendo verso l’alto
Gettin’ out of the darkness | Sto uscendo dall’oscurità
My light shines on | La mia luce continua a splendere
My light shines on
My light shines on

I was lost, now I’m found | Ero perduto, ora mi sono ritrovato
I believe in you, I’ve got no bounds | Io credo in te, non ho vincoli
I was lost, now I’m found
I believe in you, I got no bounds

I’m movin’ on up now
Gettin’ out of the darkness
My light shines on
My light shines on
My light shines on

Repeat Chorus

I’m getting outta darkness
My light shines on
I’m getting outta darkness
My light shines on
[ Lyrics from: http://www.lyricsfreak.com/p/primal+scream/movin+on+up_20110829.html ]