Archivi tag: Milano

21/12/2016 Arrivedorci! Arrivedorci!!! PaRtY LoFi (Milano)

Appuntamento per l’ultimo evento dei ragazzi del LO-FI nello spazio di via dei Pestagalli 27 a Milano….a gennaio, dopo sei anni di onorata carriera di eventi musicali e non solo:

ci dicono:

LoFi Milano ha pensato di congedarsi da voi organizzando una bella festa per dare anche un senso a tutte quelle dimostrazioni di affetto che abbiamo ricevuto in seguito al nostro annuncio.
Garantiamo tanta bella musica con i dj’s che hanno riempito le nostre serate e altri improvvisati.
Giuriamo che non ci saranno solo barbe lunghe !!!
Ci sarà anche il Tizio per firmare autografi!!!
Vi vogliamo in tanti!!!

ARRIVEDOOORCI!

Primo round al Parco Nord con la BMP (12-13 settembre 2015)

Dopo la presentazione durante l’inaugurazione, di venerdì 11, la presenza della BuioMetria Partecipativa al nono Festival della Biodiversità del Parco Nord Milano è proseguita con uno spazio informativo-dimostrativo presso la Cascina Centrale del Parco.

Il “presepe buiometrico” è stato molto utile per spiegare la questione inquinamento lumionso dal punto di vista energetico, paesaggistico e della sicurezza. Sabato (dalle 13 alle 19 circa) abbiamo fornito informazioni ai passanti interessati, per lo più famiglie, e in attesa di foto ufficiali dei reporter dal festival, vi proponiamo un’immagine volante.

La giornata di domenica è stata contrassegnata da pioggia battente sino a metà pomeriggio, per cui il pubblico è stato poco incentivato a venire al parco, ma siamo stati comunque presenti dopo le 16.30.

Per quanto riguarda i prossimi giorni del festival:

  • Come da programma abbiamo lasciato un buiometro al Parco Nord e uno a Città Studi, per chi fosse interessato a eseguire misure di qualità del cielo notturno (da integrare nella mappa della buiometria partecipativa) di persona, può scriverci a info@attivarti.org e vediamo come fare.Da tenere presente che nel corso della settimana il tempo sarà abbastanza perturbato, e le nuvole non consentono di eseguire misure.
  • L’altro tema che proponevamo, per mantenere il filo rosso avviato nel 2010 con il concorso fotografico “Fra il tramonto e l’alba” e proseguito quest’estate con la mostra di Federico Giussani sui paesaggi notturni, è quello delle foto in notturna senza flash…come fare: facile…se vi aggirate nei prossimi giorni e provate a scattare delle foto in notturna senza flash, mandatecene un esempio e presentatevi! Chiaramente: non scattate a caso, ma su soggetti che ritenete affini alla BuioMetria Partecipativa e a m(‘)appare il paesaggio notturno.
  • Per le giornate del 19 e 20, stiamo verificando con i nostri simpatizzanti milanesi come animare i laboratori previsti per le ore 15 di tutti e due i giorni, dato che Andrea Giacomelli in parallelo sarà impegnato ad Atene per le riunioni della rete Loss of the Night. Di nuovo, se siete interessati a sapere cosa succederà, scrivete una mail.

30-7-2015 Milano – M(‘)appare l’altra metà del paesaggio – tra le stelle e le stalle

Una serata per ragionare di luce, sorseggiando un bicchiere di vino tra le stelle e le stalle.
A cura di Attivarti.org, l’associazione per m(‘)appare

Scarica il volantino in formato PDF (480 Kb)

20150730-milofi-volantino

Camminando la sera tardi, in città, dopo una bevutella e due chiacchiere con gli amici, avete mai provato ad alzare gli occhi e a guardare le stalle? Di stalle, in città, se ne vedono molto poche. E’ perché ci sono un sacco di lampioni, insegne, torri faro nei parcheggi e tante altre fonti di luce artificiale che non lasciano osservare le stalle. Se invece andate verso la campagna, guardatevi attorno, e vedrete che le stalle si vedono sempre meglio.

La stessa identica frase potreste leggerla mettendo “stelle” al posto di “stalle“.

Nelle aree rurali, dove la densità di popolazione è minore e quindi si trovano meno infrastrutture, in genere ci sono anche meno luci artificiali e -di conseguenza- si vede meglio il cielo notturno. Magari, se vi fermate un paio di minuti e lasciate che l’occhio “si aggiusti”, noterete anche un sacco di particolari che di fretta non avreste notato, tra cui una fascia biancastra che attraversa il cielo: non è una scia chimica gigante…è la Via Lattea.
Ma è possibile che l’illuminazione artificiale, essenziale nelle località abitate per garantire sicurezza e possibilità di svolgere attività in notturna, debba sempre ridurre la possibilità di vedere le stalle (o le stelle, decidete voi)?
Non proprio: applicando semplici linee guida, peraltro già utilizzate in Italia e altrove alla base della progettazioni di reti di illuminazione, non è difficile conciliare le esigenze della popolazione e del resto dell’ecosistema (fauna, flora).
Per riflettere sul senso della luce artificiale notturna, vi aspettiamo giovedì 30 luglio dalle 22 sino alla mezzanotte al LO-FI di Milano (via dei Pestagalli, zona Rogoredo).

Lo spazio del LO-FI è più noto al pubblico milanese per concerti di gruppi garage, punk rock, e metal.
Nella serata del 30 non mancherà il tappeto musicale, con una playlist a tema preparata per voi da DJ Elyoh con l’Omonimo, ma il clou sarà nelle immagini e nella parte esperienziale:

  • Immagini dalla bassa Toscana (una delle tre zone in Italia con il minor livello di inquinamento luminoso) e da altre parti del pianeta
  • dimostrazioni di buiometria partecipativa (monitoraggio partecipato della qualità del cielo notturno)
  • simulazioni di inquinamento luminoso con il presepe buiometrico
    prodotti enogastronomici dalla bassa Toscana, una delle trecentocinquantasette zone in Italia con cose buone da assaggiare (portati freschi da piccoli produttori).
  • personaggi da anni impegnati a m(‘)appare

Per animare la serata e vedere chi sarà stato più attento, sarà proposto un gioco a premi, in cui sarà messo in palio –ça va sans dire– qualche prodotto bòno dalla bassa Toscana e qualche lampada a LED a temperatura di colore “giusta”.

L’iniziativa è a cura di Attivarti.org con il circolo ARCI LO-FI. Attivarti.org, oltre a promuovere dal 2008 il progetto della BuioMetria Partecipativa, dal 2013 è referente per l’Italia nella rete europea Loss of the Night, con 38 organizzazioni in 16 nazioni, impegnate nella ricerca, nel trasferimento tecnologico e nella divulgazione sul tema della luce artificiale notturna.
L’ingresso, riservato ai soci ARCI e associazioni confederate, è a offerta libera. Le donazioni andranno a sostenere la realizzazione di parte del programma 2015 di Attivarti.org
Per informazioni: Andrea Giacomelli – mappare@attivarti.org