Archivi tag: buiometria partecipativa

Isola di Capraia, 13-14 settembre 2018: un simposio internazionale sulla protezione e la promozione del cielo notturno

Nota: il sito https://capraianightsky2018.com/ offre ulteriori informazioni su programma e modalità di iscrizione.

La qualità del cielo notturno sta attirando un interesse crescente, sia presso i tecnici che per il pubblico, con la graduale diffusione di una maggiore sensibilità sulla questione dell’inquinamento luminoso, sulla qualità dell’illuminazione, e sul potenziale turistico che la risorsa cielo notturno può rappresentare.

Su questi temi l’Istituto di Biometeorologia del CNR, in collaborazione con l’Università di Pisa e l’associazione Attivarti.org, sta organizzando un simposio internazionale che si terrà sull’isola di Capraia (LI) il 13 e 14 settembre prossimi.

L’iniziativa si lega a esperienze avviate da tempo da questi soggetti sull’argomento: in particolare con la collaborazione di IBIMET nella rete europea Loss of the Night, con le sperimentazioni nel campo della biologia marina per l’università di Pisa, e con il progetto BuioMetria Partecipativa per Attivarti.org. L’evento è organizzato insieme al Comune di Capraia, con il patrocinio di Regione Toscana e il supporto del progetto europeo Stars4all,  della Fondazione Clima e Sostenibilità e dell’associazione Osservatori Meteorologici Storici Italiani.

Il simposio si occuperà di tutti gli aspetti legati alla luce artificiale notturna, spaziando dalle problematiche ambientali derivanti dall’inquinamento luminoso ai benefici socioeconomici legati a cieli notturni di buona qualità nelle aree rurali e nei parchi, con una particolare attenzione alle zone marine e costiere. In questo senso, l’isola di Capraia costituisce uno scenario di estremo interesse in quanto parte del Parco nazionale dell’arcipelago toscano, per il suo valore turistico, e per la posizione con un’ottima qualità del cielo notturno.

L’obiettivo del simposio -che vedrà la partecipazione di specialisti provenienti da tre continenti e ospiterà prestigiosi esperti internazionali di riferimento sul tema- è condividere conoscenze ed esperienze tra professionisti, ricercatori, gestori di parchi e osservatori astronomici, amministratori, realtà associative e studenti, offrendo inoltre un contesto per possibili collaborazioni.

Per informazioni: capraianightsky2018@ibimet.cnr.it

 

Photo credits: in alto Luciano Massetti, al centro Federico Giussani, in basso Mariella Ugolini.

Venerdì 17-8-2018: Notte bianca della biodiversità nella Riserva Nazionale del Belagaio (GR)

Tra luglio e settembre 2018 il Raggruppamento Biodiversità dei Carabinieri Forestali ha organizzato la “Notte bianca della biodiversità”, con l’intento di vivere le riserve naturali in notturna.

La Riserva Naturale Statale del Belagaio, in Val di Farma, a metà strada fra Siena e Grosseto, entra nel programma venerdì 17 agosto con un evento che si apre in effetti già dalle ore 18, con la possibilità di assistere a una presentazione della Riserva e seguire un breve anello trekking attorno al castello sotto la guida dei responsabili della riserva.
Dopo una cena al sacco, si entrerà nella parte notturna della manifestazione, con due presentazioni: una sulla vita notturna del bosco, a cura della D.ssa Barbara Cursano, e una sulla misurazione della qualità del cielo notturno e la valorizzazione delle riserve naturali dal punto di vista del cielo notturno, a cura dell’Ing. Andrea Giacomelli (progetto BuioMetria Partecipativa). Alle presentazioni seguiranno attività pratiche in notturna.
Durante l’evento sarà allestita presso i locali del centro visite Casa Nova la mostra fotografica “La Valle incantata”, della fotografa Sara Bartalucci, con molti scatti di fauna ripresi proprio nel territorio del Belagaio. La Pro Loco Piloni-Torniella darà inoltre informazioni sul territorio della Val di Farma e su due dei borghi che la animano.
L’evento è organizzato dal Reparto Carabinieri per la Biodiversità Follonica e promosso da Comune di Roccastrada, Pro Loco Piloni-Torniella e progetto BuioMetria Partecipativa.
Per informazioni e per prenotazioni (consigliate): 0566 40019 oppure utb.follonica@forestale.carabinieri.it

Sabato 11-8-2018: Workshop di fotografia notturna di Federico Giussani al Giardino dei Suoni (GR)

Nell’ambito della mostra fotografica “Cieli Stellati di Maremma” è previsto per sabato 11 agosto a partire dalle 18 un ricco workshop di Fotografia Notturna, che si svolgerà nella sala espositiva “E. Poggi” a Boccheggiano (GR), e che proseguirà dopo cena nel suggestivo Giardino dei Suoni di Paul Fuchs, la notte delle stelle cadenti.

Il workshop, a cura di Federico Giussani,  è a numero chiuso, e si consiglia pertanto di prenotare:

Per info e costi:
info@federicogiussani.it
tel.: 3478623054

Valutare l’impatto dell’illuminazione stradale sulla fenologia del Platanus x acerifolia

Di Luciano Massetti, del CNR IBIMET di Firenze, ed eminente buiometrista.

Assessing the impact of street lighting on Platanus x acerifolia phenology, pubblicato su Urban Forestry & Urban Greening il 5 giugno 2018:

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1618866717304181

Foto di Luciano Massetti

…alcune osservazioni:
• L’illuminazione artificiale ha effetto sulla caduta autunnale delle foglie di Platanus x acerifolia.
• Gli alberi esposti a livelli di illuminazione più alti mantengono le foglie verdi più a lungo durante l’inverno.
• L’illuminazione e il verde pubblico dovrebbero essere considerati assiemen nella progettazione di spazi pubblici..

Com’è andata sabato scorso con i paesaggi notturni bassotoscani a Fa’ la Cosa Giusta

Sabato 24 marzo con Luciano Massetti del CNR IBIMET e Federico Giussani, fotografo, siamo stati ospiti del programma culturale della quindicesima edizione di Fa’ la Cosa Giusta, fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili (qui la presentazione dell’evento)

L’intervento è stata un’occasione per condividere con un pubblico ampio e alcuni operatori presenti le questioni luce artificiale notturna, inquinamento luminoso e buiometria partecipativa.

Per spiegare in modo più intuitivo il tema, dopo una breve presentazione introduttiva, lo spazio è stato lasciato alle immagini, con una rassegna di scatti, soprattutto provenienti dalla bassa Toscana, una delle zone d’Italia in cui si mantiene -in un quadro nazionale piuttosto compromesso dal punto di vista dell’inquinamento luminoso- una buona qualità del cielo notturno.

Un’estratto della presentazione, con la zona di provenienza delle foto usate come esempi.

Le fotografie hanno consentito di mostrare sia paesaggi suggestivi, raccontando anche alcuni aneddoti sulle circostanze in cui le immagini sono state raccolte, che casi in cui sarebbe possibile illuminare meglio, senza compromettere le esigenze di illuminazione per la popolazione.