Tag Archives: 1800

branobag del 2-9-2015: Maremma amara/Bitter Maremma

DSC_0041-pomonte1-xxr-webProsegue il filone della canzone popolare. Quello che -diceva Fossati- quando senti che sta passando devi uscire.
Se si dovesse spiegare al mondo che la Maremma non è solo “un bellissimou postou”, pronunciato all’inglese come Stanlio e Ollio, anziché tanti rapporti del CENSIS o dell’IRPET o dell’ISTAT o dell’ILVA si potrebbe partire da qui.

Perché le origini non si perdono (cfr. Le radici ca tieni del 15-5-2015).

C’è chi le dimentica (se parte da un posto), le ignora (se ci arriva) o -a volte- fa finta di dimenticarle o ignorarle, ed una morte un po’ peggiore (cfr. Canzone delle Osterie di fuori porta del 25-8-2015).

Del brano vi propongo tre versioni, due della stessa artista in tempi diversi.

Tutti mi dicon Maremma, Maremma… | everybody says “Maremma, Maremma”
Ma a me mi pare una Maremma amara. | but to me this seems a bitter Maremma

L’uccello che ci va perde la penna | the bird who flies there will lose its feathers
Io c’ho perduto una persona cara. |There I lost a dear person

Sia maledetta Maremma Maremma | May Maremma be damned
sia maledetta Maremma e chi l’ama. | May Maremma, and those who love her, be damned

Sempre mi trema ‘l cor quando ci vai | My heart always shivers when you go there
Perché ho paura che non torni mai. | because I fear that you will never come back

versione World Music

versione intellettuale con lo “spiegone”

versione fresca, ma senza gli ultimi due versi (non si capisce perché: già che c’erano gliei potevano far cantare)

https://www.youtube.com/watch?v=rvZ4dnYtGG0 ve

branobag del 20-8-2015: Malarazza/Bad Seed

2015-08-12-gas-trapiantiIl lamento meridionale per antonomasia, uno spiritual a tutti gli effetti. Ripescato dalle tradizioni ottocentesche prima da Domenico Modugno, e poi reinterpretato da moltissimi artisti (direi tutti meridionali).
Roy Paci, nel suo momento più creativo, pensò di prendere il brano tradizionale e rivisitarlo in versione Aretuska, con un inserto rap. Secondo me la versione fatta dallo spumeggiante Rosario Paci è poi servita a riportare attenzione sul pezzo.

Malarazza – Tradizionale, ripreso da Roy Paci & Aretuska

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti… | You keep complaining, but what about? Pick up a stick and show your teeth (4x)

Un servo tempu fa rinta ‘na chiazza, | some time ago, a servant, in a square
pregava Cristu in cruce e ci ricia: | was praying Christ in his cross, and telling him
“Cristu, lu me patrune mi strapazza, | “Christ, my boss is mistreating me
mi tratta comu un cane pi la via, | he treats me like a dog on the street
si pigghia tuttu cu la so’ manazza, | he takes everything with his great big hand
mancu la vita mia rici ch’? mia… | he even denies that my life is my own
Distruggila, Gesù, sta Malarazza! | Jesus, will you destroy this bad seed
Distruggila, Gesù, fallo pi mmia! Sì..fallo pi mmia!” | Will you destroy it, Jesus, Yeah, do it for me!”

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti… (4x)

Ricordati che ogni persona ha una sua dignità, | please remember that each person has his own dignity
sogni, emozioni che la vita ci dà. | dreams, emotions, which life gives us
C’è chi ancora per il potere ha venduto l’Anima, | there are people who sold their soul for power
questo può distruggere ogni briciola di verità. | this can destroy every grain of truth
C’è chi dice “Non mi va, non mi va, non mi va, | there are those who say “I don’t want this,
se c’à chi domina, sgomina, insulta la mia umanità! | if there are others who dominate, defeats and insults my dignity
Guerra chiama guerra! Lutto per la mia identità! | war calls war! mourning for my identity
Nonostante troppe troppe siano le difficoltà! | in spite of too many difficulties
Stato di calamità, suddito di società, | we are in a state of disaster, subjects of society
schedato dalla realtà, schierato in cattività | indexed by reality
contro la meschinità, pronto anche a tutto (si sa),
non credo all’immunità di chi sta sopra a guardare
e alla mia gente che da menzogne e tranquillità
solo per chi sta al di là di questo bel varietà!
Presidente Marajà, oggi di servilità
ma che vedi tutto spero non nell’al di là!

Cristo me rispunne dalla croci: | And Christ replied, from his cross
“Forse si so spezzate li to vrazza? | Possibly did your arms break?
Cu vole la giustizia si la fazza! | Who wants justice, should seek his own|
Nisciun’ormai ‘cchi? la far? pi ttia! | nobody will ever do this on your behalf
Si tu si ‘n’uomo e nun si testa pazza, | If you are a real man and you are not our of your mind
ascolta bene sta sintenzia mia, | please hear my statement
ca iu ‘nchiudatu in cruce nun saria | ‘cos I wouldn’t be nailed to this cross
s’avissi fattu ciò ca ricu a ttia… | had I done for myself what I am advising you to do
ca iu ‘nchiudatu in cruce nun saria!” | I wouldn’t be nailed to this cross!

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti… (4x)

“Se ‘nna stu munnu c’è la Malarazza, | If in this world there is a bad seed
cu voli la giustizia si la fazza! | whoever wants justice should go for it on his own!
(2x)

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti… (4x)

(Grazie a elisa per questo testo)