Archivi categoria: branobag

branobag del 7-8-19: Southern Cross

prima edizione 29-1-17

Questa la sentii per la prima volta su Videomusic, quando ritrasmise il quarantennale della Atlantic Records (dove comparivano sia vecchie glorie come loro o la Average White Band, e “mostri” assoluti come i Living Colour).
Che dire…dicono tutto loro, e stanno bene anche senza il quarto, canadese (ogni mille canadesi più simpatici degli statunitensoamericani, ne capita uno meno simpatico!). Buon ascolto.

[Intro. (Acoustic Guitars)]
Oooh …

Got out of town on a boat goin’ to Southern islands | son partito dalla città andando verso le isole del Sud
Sailing a reach before a followin’ sea | veleggiando col vento in poppa
She was makin’ for the trades on the outside | andando con gli alisei verso l’estero
And the downhill run to Papeete | e col vento in poppa per Papeete

Off the wind on this heading lie the Marquesas | fuori vento, in questa direzione ci sono le Marquesas
We got eighty feet of the waterline nicely making way | abbiamo una barca bella grossa che ci porta
In a noisy bar in Avalon I tried to call you | in un bar rumoroso di Avalon ho provato a chiamarti
But on a midnight watch I realized why twice you ran away | ma durante un turno di guardia di mezzanotte ho capito perché sei andata via due volte.

Think about | pensa
Think about how many times I have fallen | pensa a quante volte sono caduto
Spirits are using me larger voices callin’ | gli spiriti mi stanno usando – sono voci superiori che chiamano
What Heaven brought you and me cannot be forgotten | il paradiso che ha portato te e me non può essere dimenticato

(Around the world) I have been around the world | sono dato in giro per il mondo
(Lookin’) Lookin’ for that woman girl | cercando quella ragazza-donna
(Who knows she knows) Who knows love can endure | che sa che l’amore può durare
And you know it will | e tu sai che lo farà

When you see the Southern Cross for the first time | quanto vedi la Croce del Sud per la prima volta
You understand now why you came this way | capisci subito perché sei venuto fin qui
‘Cause the truth you might be runnin’ from is so small | perché la verità da cui stai scappando è così piccola
But it’s as big as the promise, the promise of a comin’ day | ma è grande quanto la promessa, la promessa di un giorno che si apre

So I’m sailing for tomorrow my dreams are a dyin’ | allora sto veleggiando per il domani, i miei sogni svaniscono
And my love is an anchor tied to you tied with a silver chain | e il mio amore è un’ancora legata a te con una catena d’argento
I have my ship and all her flags are a’ flyin’ | ho la mia nave e tutte le sue bandiere sventolano
She is all that I have left and music is her name | lei è tutto ciò che mi rimane, e il suo nome è musica

Think about
Think about how many times I have fallen
Spirits are using me larger voices callin’
What Heaven brought you and me cannot be forgotten

(I’ve been around the world) I have been around the world
(Lookin’) Lookin’ for that woman girl
Who knows love can endure
And you know it will, and you know it will yes

[Instrumental (Electric Guitars)]
Oooh …

So we cheated and we lied and we tested | morale: abbiamo tradito e mentito e ci siamo messi alla prova
And we never failed to fail it was the easiest thing to do | e non abbiamo mai sbagliato a sbagliare – era la cosa più semplice da fare
You will survive being bested | sopravviverai a queste prove
Somebody fine will come along make me forget about loving you | e qualcuna che mi piacerà, verrà, e mi farà scordare di averti amato
At the southern cross |alla croce del sud

[Ending (Acoustic Guitars)]

boscoriserva n°12 dell’8/7/19: compleanno di il sole

Melanie…mi pare di ricordare che nella documentazione pre-internet del festival fosse inclusa come apertura del terzo disco (ovvero il primo del secondo doppio album). Magari sbaglio. Volevo evitare di inserirla nel bosco riserva, perché la memoria che ho del primo ascolto era di noia.

Si vede che le percezioni cambiano e ti cambiano. Sono andato a cercare “Beautiful people” (Bella ggente) e nel frattempo ho trovato questa. Che dire…ascoltate. Una persona verso centinaia di migliaia. Non era l’unica a proporsi a boscoriserva in questo modo, e “ce stava degnamente”, come dichiaro Ciarrapico quando diventò presidente d’aaa maggica nel 1991. Io non so parlare di calcio, parafrasando Bennato, ma certe cose calcistiche me le ricordo bene.

Pensando alla parte visiva di boscoriserva, mi viene il lecito sospetto che Francis Ford Coppola si sia ispirato ad alcune delle scene notturne del festival per alcune scene di Apocalypse Now. Si notano in alcuni punti del video delle linee di luci (sospese) che assomigliano un po’ a quando Charlie Sheen e il suo barchino di militari psichedelici raggiungono l’ultimo avamposto americano lungo il fiume.

[per i curiosi: la foto di oggi è nella “top ten” della sezione “alba” di un conco(r)so fotografico che organizzai nel fatidico 2010]

I’m the one | sono io quella che
I found the birthday of the sun | ha trovato il compleanno del sole
But all things change | ma le cose cambiano
And I think it’s the birthday of the rain | e io penso sia il compleanno della piogga

If I never said goodbye | se non dicessi mai arrivederci
To all that I’ve known | a tutto ciò che ho conosciuto
I would never be alone | non sarei mai sola
But still I will not cry | tuttavia non piangerò
I’m not finished yet, boy | non ho ancora finito, ggiovanotto
So wipe the smile from your eyes | per cui levati quel sorriso dagli occhi
Because if I were to hang my head | perché se mi impiccassi
I’d miss all the rainbows | mi perderei tutti gli arcobaleni
And I’d drown in raindrops instead. | e invece affogherei nelle gocce d’acqua

I’m the one
I found the birthday of the sun
And all things change
And I’m sure it’s the birthday of the rain.

If I never said goodbye
To all that I’ve known
I would never be alone
But still I’m gonna win | tuttavia, sarò io a vincere
I’m not finished yet, world | non ho ancora finito, mondo
So wipe the smirk from your chin | per cui levati quella smorfia dalla guancia
Because if I were to hang my head
I’d miss all the rainbows
And I’d drown in raindrops instead

But I’m the one
I found the birthday of the sun
And all things change
And now I’m sure it’s the birthday of the rain
And all things change
And now I think it’s the birthday of the rain
And all things change
And now I know it’s the birthday of the rain
And all things change
And now I’m sure it’s the birthday of the rain
And all things change
And now I’m sure it’s the birthday of the rain
All things change
Happy Birthday to the rain

boscoriserva n° 11 del 7/7/19: provare

Signore, Signori, fanciulli e fanciulle, anziani, zombi, protozoi, vertebrati, alberi, rocce, aria, forme di vita non ancora note alle scienze occidentali…

buongiorno –

il prossimo bosco riserva non è per tutti. chi ha seguito i brano bag 2012, la palla 2007, la buiometriapartecipativa, i film, le foto, ecc, ci provi, perché questo chiede il boscoriserva. Altri ci provino lo stesso, con la cautela richiesta da un’esperienza positiva ma inedita.

Oggi, nel mazzo di carte che è la scaletta del festival si cala un carico pesante. e una volta che il carico è sul tavolo, la mano gira, e chi ti segue sul tavolo deve decidere cosa fare. Segni di sopracciglio e colpi di tosse forzosi potrebbero non essere sufficienti a dare la dritta al compagno di gioco, o a indurre il bluff negli avversari.

Janis è qui, e l’altro carico pesante -chi mi conosce musicalmente meglio giù sa di chi parlo- è da qualche parte che attende di essere calato.

Tornando a Janis, si parte con “Try” (Provarci, pròvaci…boh).

Da guardare per prima vi propongo la versione contenuta nel documentario “When the music is over”, dedicato ai musicisti rock americani morti giovani, trasmesso a suo tempo -ma parecchio, visto che lo conservo registrato in betamax- da Mamma RAI quando si occupava di musica e quando se dicevi “talent” pensavi più a monete antiche che a show televisivi per giovani promesse.

La versione in studio si sente e si vede bene e dice tutto. C’e’ anche  quella del festival vero e proprio (che però è quasi tutta al buio).

Interessante notare che a quei tempi i fonici erano forse più fuori dei musicisti: nella versione tedesca e in quella del documentario è altissimo il livello del basso e delle voci secondarie. Strano, ma interessante sentire le parti.

Il testo…non sono sicuro che ci sia un allineamento perfetto tra versi trovati nella grande rete e quelli cantati, ma del resto, come dice Janis, ci si prova, in attesa di un aereo che per andare da Milano alla Francia passa per Roma (“sient’a mme, è la combinazione migliore” mi dice l’agente).

a domani.

………………
Try (Just A Little Bit Harder)”

Try, try, try just a little bit harder
So I can love, love, love him, I tell myself | sì che lo possa amare, mi dico
Well, I’m gonna try yeah, just a little bit harder | be’, ci proverò un po’ di più
So I won’t lose, lose, lose him to nobody else. | così da non perderlo per nessun altro
Hey! Well, I don’t care how long it’s gonna take you now, | ue’, non m’interessa quanto tempo ci vorrà
But if it’s a dream I don’t want No I don’t really want it | ma se è un sogno, non voglio , proprio non voglio…
If it’s a dream I don’t want nobody to wake me. | se è un sogno non voglio che nessuno mi svegli

Yeah, I’m gonna try yeah, just a little bit harder
So I can give, give, give, give him every bit of my soul. | così che gli possa dare ogni pezzo della mia anima
Yeah, I’m gonna try yeah, just a little bit harder
So I can show, show, show him love with no control. | così che gli possa mostrare un amore senza controllo
Hey! I’ve waited so long for someone so fine | ho aspettato così tanto, per qualcuno così bello (in senso generale)
I ain’t gonna lose my chance, no I don’t wanna lose it, | che non perderò questa possibilita, non la voglio perdere
Ain’t gonna lose my chance to make you mine, all mine. | non voglio perdere la possibilità di farti mio
All right, get it! Yeah!

Try yeah, try yeah, hey, hey, hey, try yeah, | provarci…
Oh try whoa! Whoa, whoa, whoa, whoa,
Oh anybody, oh anybody, oh anybody, | tutti, tutti,
Try oh yeah (just a little bit harder) | provarci giusto con un po’ più di impegno
Whoa I gotta try some more,
I said try yeah, aw I said try,
I said try try try try try try,
Oh try oh yeah, try oh yeah!

Hey hey, I gotta talk to my man now, | devo parlare col mio uomo
You know I, I gotta feel for my man now, | devo provare qualcosa per lui
I said I, I gotta work for my man now, | devo lavorare per lui
You know I, I gotta hurt for my man now, | mi devo far male per lui
I think-a every day for my man now, |ci devo pensare tutti i giorni
You know it, every way for my man now. |lo sai, in tutti i modi
I say try, try yeah, oh try yeah,
Hey hey hey, try yeah-hey, oh, try…

boscoriserva n° 10 del 6/7/19: ballare a il musica

La fine degli anni 60 del secolo scorso già aveva tutte le basi (assieme a qualche acido) che poi portarono nei primi ’70 al proliferare del progressive rock, con tante belle canzoni, ma anche tante pallosissime suite da 18 minuti e oltre. Boscoriserva contiene quindi diverse esibizioni molto lunghe.
Nella seconda settimana di bosco riserva ho cercato brani brevi, pensando al fatto che ci sarà pure qualcuno che si trova la mail a inizio di giornata ufficio e vuole ascoltare, e magari se ti sparo “I’m going home” di Alvin Lee ti ruba tempo. Oppure no. Comunque, questa settimana sono stato sul corto. Sino a ieri.

Oggi è venerdì…se il sabato sera è il giorno della febbre, il venerdì è bene comunque preparsi spiritualmente, e comunque secondo le regole de fero del boscoriserva non potrei scrivervi sabato mattina.

Morales, come dicono in Messico, oggi vi toccherebbe un pezzo riempipista che però in versione boscoriserva dura sui 14 minuti.

Ne ho recuperato una versione televisiva che dura come il pezzo sul disco in studio, più o meno: sotto i quattro minuti. Come avrebbe detto il noto bluesman romano Robberto Ciotti, l’atmosfera che traspira dai fotogrammi che seguono è molto bbella e c’è mmolta energia positiva.

Di cose amene che si notano nel video: fra le tante cito il violinista in un gruppo soul/r&b, probabilmente zio di Kurt Cobain…un violinista in contesto soul non sono sicuro di averlo mai visto o sentito in svariati anni di giramento microsolchi e ascolto di altri supporti.

Ma, avendoci Wilson Pickett ricordato  che la musica è infinita (cfr. branobag del 16-3-2019), e ricordando che gli usi del violino sono molteplici (cfr. Meytal Cohen & friends), non potrei escludere che in questo momento in una parte del mondo con fuso orario pacifico ci sia un gruppo soul/r&b con un violinista in organico (organico/in organico…vabbe’…basta…).

Buon ascolto (con quattro brani al prezzo di uno!) e buon fine settimana.

Cynthia: Get up and dance to the music! | Tiratevi su e ballate con la musica
Get on up and dance to the fonky music!
All:Dance to the Music, Dance to the Music
Freddie: Hey Greg! | oh Greg?
Greg:What? | ‘osa voi?
Freddie: All we need is a drummer, | ci serve giusto un batterista
for people who only need a beat | per persone cui basta giusto un ritmo
I’m gonna add a little guitar | ci vado ad aggiungere un po’ di chitarra
and make it easy to move your feet | e ti renderò più semplice muovere i piedi
Larry:I’m gonna add some bottom, | io ci metto un po’ di basso
so that the dancers just won’t hide | così che i ballerini non si potranno nascondere
Sly:You might like to hear my organ | magari vi piacerebbe sentire il mio organo
playing “Ride Sally Ride” | che suona “Ride Sally Ride” (vedi ritornello a 1’14” di Mustang Sally)
You might like to hear the horns blowin’, | potreste gradire i fiati soffiare
Cynthia on the throne, yeah! | con Cynthia sul trono
Cynthia & Jerry got a message they’re sayin’: | Cynthia e Jerry hanno un messaggio che dice:
Cynthia: All the squares, go home! | tutti quelli un po’ troppo inquadrati, a casa!
All:Dance to the Music, Dance to the Music

(segue pezzo di I wanna take you higher, ma se ne riparla)

bosco riserva n° 9 del 5-7-19: Vabbe’, se n’è andata

Nella scaletta di boscoriserva comparve sul palco la Grease Band, che all’epoca faceva da gruppo di supporto a Joe Cocker, un po’ come dire gli Stadio con Lucio Dalla o la PFM con de André.
Narrano le cronache, che -aspettando che Joe si manifestasse al pubblico- il gruppo si trovò a eseguire alcuni brani strumentali…la domanda di oggi è “quali”?

Giochi proibiti? Due accordi che portarono Stanley Myers a comporre Cavatina nel 1970?? Qualche ragtime di Scott Joplin riarrangiato?

Non dico “non lo sapremo mai”, perché tecnicamente sarebbe possibile saperlo: basterebbe trovare una persona che sia andata al Festival e chiederglielo.
Se, come sostengono gli organizzatori, c’erano a un certo punto un milione di persone, che avranno avuto un’età media attorno ai 23 anni, si troverà in tutti gli U.S. of A. un cristiano (pardon, protestante) nato nel 1946 che all’epoca stava lì ed era in condizioni di intendere e volere tali da ricordarsi della loro esibizione?

Possibile, ma non facile. Nel frattempo, nella non facilità di reperire l’esibizione strumentale della Grease Band a boscoriserva, vi propongo volentieri un loro brano cantato: Let it be gone. E poi ti stupisci che c’erano i Rolling Stones, gli Who, i Faces ecc.: oh…metà della popolazione musicale occidentale suonava ‘ste cose qua!

Il brano è stato ripreso in tempi più recenti e in versione con vena leggermente più funky anche dai notevoli Black Crowes):

I puristi del boscoriserva mi scuseranno se non allego il testo a fronte per oggi (tempus fugit && festina lente, sed c’ho un appuntamento presto)

boscoriserva n° 7 del 4/7/19: male maniere

Carlos Santana è l’unico presente a Boscoriserva che ho avuto modo di veder suonare dal vivo. Era a Milano, non ricordo l’anno, ma mi ricordo che ero stato morso dal mio cane pochi giorni prima, per cui avevo un punto di sutura a una mano e non potevo applaudire. Per inciso: se “cane morde uomo” non è una notizia ma “uomo morde cane” sì, anche “cane morde padrone” può dare da pensare…

La cosa che non potrò scordare del concerto furono i primi cinque secondi. Gli artisti (una decina) arrivano sul palco. Prendono posizione ai rispettivi strumenti. I percussionisti si sgranchiscono le mani. Carlos guarda il tastierista. Il fonico dice “via” col pollice recto.

Poi comincia il count-down (o count-up) 1…2…3…4…

Nel primo secondo di musica il pubblico è stato investito da un’onda di pressione sonora che non avevo mai percepito prima: erano le percussioni. Per descrivere la cosa mi viene in mente -anche se non ho mai provato perché dicono sia pericoloso- lo spostamento d’aria quando un treno ad alta velocità esce da una galleria. Una cosa simile, anche se di magnitudine decisamente più bassa, mi è ricapitata anni dopo con Carlinhos Brown. Ma qua si esula dal contesto bosco riserva, e magari si andrà ad approfondire in altra occasione.

Male Maniere è uno dei pezzi brevi di Santana, che in genere si lascia trasportare sui tempi lunghi, complici gli assoli con note dal sustain infinito e facilmente riconoscibili: i veri chitarrofili rock sanno riconoscere almeno 10 chitarristi a partire da una nota sola, massimo due, e Carlos Santana è per me uno di questi.

You’ve got to change your evil ways… baby | e bisogna tu cambi le tue maniere moleste, bimba
Before I stop loving you. | prima che smetta di volerti bene
You’ve go to change… baby | bisogna tu cambi
And every word that I say, it’s true. | ed è vera ogni parola che dico
You’ve got me running and hiding | mi fai correre e nascondere
All over town. | in giro per tutta la città
You’ve got me sneaking and peeping | mi fai
And running you down | a cercare di rincorrerti
This can’t go on… | ‘un si pole continua’ ccosì
Lord knows you got to change… baby. | lo sa il Signore che bisogna tu cambi

When I come home… baby | quando arrivo la sera
My house is dark and my pots are cold | la casa è buia e le pentole fredde
You’re hanging around… baby | e te te ne stai in giro
With Jean and Joan and a who knows who | con Jean e Joan e chissà chi
I’m getting tired of waiting and fooling around | sono stanco di aspettare e perder tempo
I’ll find somebody, who won’t make me feel like a clown | mi troverò qualcuna che non mi faccia sentire un pagliaccio
This can’t go on…
Lord knows you got to change

Organ Solo:

(Repeat 2nd verse)

Yeah … Yeah … Yeah …

boscoriserva n°6 del 7/7/19: mia generazione

Oggi stiamo sul facile. Gli Who non hanno bisogno di troppe presentazioni, mentre possiamo introdurre -dopo il mito della reinmusicazione-
quello della reincanzonazione. Così come la reinmusicazione è il passaggio dello spirito musicale di un gruppo o di un artista a un altro in epoca diversa (casi acclarati: Janis Joplin e Bjork, oppure i Dexys Midnight Runners e gli Of monsters and Men), la reincanzonazione è quando lo spirito di una canzone si ritrova in un’altra. “My generation” è necessariamente la reincanzonazione di “Dio è morto” di Grancesco Fuccini, pardon, Francesco Guccini.
La reincanzonazione non implica concordanza di generi o di storie, così come la reinmusicazione.

Nella “My generation” suonata a Boscoriserva, chissà come mai, nel finale la canzone si fonde per un con il ritornello di “io vado da con un piccolo aiuto dai miei amici”, un po’ più sfatta di quella di Joe Cocker, ma sempre con un alone dell’arrangiamento a canzoncina dell’originale beatlesiano.

Suggeriamo anche una versione in studio (televisivo) in cui, saltato il prologo abbastanza inutile, è possibile apprezzare meglio l’esibizione di tutti i componenti del gruppo, sopra tutti il bassista John Entwhistle con uno degli assoli che è diventato riferimento per le quattro corde nella storia del dondola.

Dei quattro, l’unico che interpretò appieno lo spirito della canzone fu Keith Moon, il batterista, deceduto all’età di anni 32, dopo avere distrutto un numero indeterminato di tamburi e avere ispirato il personaggio del batterista pazzo del Muppet Show. Gli altri più o meno “ci sono stati dentro”. John ci ha lasciato un paio di anni fa, e Pete e Roger ancora si vedono in giro, con discrezione. Sarei curioso di vederli seguire un esibizione degli Who di oggi…che so…i Maximum the Hormone  (attenzione: il link rimanda a un brano non adatto a tutte le generazioni)

.

People try to put us d-down (Talkin’ ‘bout my generation) | la ggente cerca di buttarci giù (parlo della mia generazione)
Just because we get around (Talkin’ ‘bout my generation) | solo perché si va in giro
Things they do look awful c-c-cold (Talkin’ ‘bout my generation) | le cose sembrano proprio freddine
I hope I die before I get old (Talkin’ ‘bout my generation) | spero di morire prima di diventare vecchio

This is my generation | questa è la mia generazione
This is my generation, baby

Why don’t you all f-fade away (Talkin’ ‘bout my generation) | ma perché non sparite
Don’t try to dig what we all s-s-s-say (Talkin’ ‘bout my generation) | non cercate di apprezzare quello che diciamo
I’m not trying to ‘cause a big s-s-sensation (Talkin’ ‘bout my generation) | non sto cercando di destare grande sensazione
I’m just talkin’ ‘bout my g-g-g-generation (Talkin’ ‘bout my generation) | sto solo parlando della mia generazione

My generation
This is my generation, baby

Why don’t you all f-fade away (Talkin’ ‘bout my generation)
And don’t try to d-dig what we all s-s-say (Talkin’ ‘bout my generation)
I’m not trying to ‘cause a b-big s-s-sensation (Talkin’ ‘bout my generation)
I’m just talkin’ ‘bout my g-g-generation (Talkin’ ‘bout my generation)

This is my generation
This is my generation, baby
My my my generation

People try to put us d-down (Talkin’ ‘bout my generation)
Just because we g-g-get around (Talkin’ ‘bout my generation)
Things they do look awful c-c-cold (Talkin’ ‘bout my generation)
Yeah, I hope I die before I get old (Talkin’ ‘bout my generation)

This is my generation (Talkin’ ‘bout my generation)
My generation (Talkin’ ‘bout my generation)
This is my generation, baby (Talkin’ ‘bout my generation)

boscoriserva n° 6 del 2/7/19: volontari

I Jefferson Airplane sono l’ennesimo gruppo rock psichedelico nato nella West Coast nella seconda metà degli anni 60 del secolo scorso (cioè sono gruppi “coetanei a me”).
Una delle cose che mi sono rimaste impresse dei Jefferson Airplane è che a un certo punto della loro storia -ma nemmeno troppo avanti…era nel 1974- il gruppo cambiò nome e diventò “Jefferson Starship”. Da aeroplano ad astronave.

Chi sa se ciò accadde perché avevano uno zio che era passato a lavorare per la NASA, perché nel 1973 avevano ricevuto una partita di LSD particolarmente spaziale, o perché…perché…non so perché (come diceva Raz Degan quando era ne’ su’ cenci e faceva il testimonial di un noto liquore).

Queste cose dei nomi inglesi, che agli italiani fanno sempre esotico, così come agli anglofoni fanno molto esotico i nomi italiani (“bellou, bambinooou, M’lanouu, F’renssiiihh“), fanno riflettere se uno li riporta al contesto italiano. E’ come se -che so- i “Banco del Mutuo Soccorso” a un certo punto si fossero ribattezzati “Assicurazione medica”.

Se poi passi ai nomi delle persone, anche lì trovi dei percorsi.

Roger Nelson diventò Prince, poi per un certo periodo “Tafkap” (The artist formerly known as Prince, l’artista una volta noto prince), poi ancora Prince. Lorenzo Cherubini diventò Jovanotti, e lì rimane. Rosario Paci diventò Roy. Terence Trent d’Arby ora passa per Sananda Maitreya. Cat Stevens all’anagrafe nacque Steven Demetre Georgiou ma ora è Yusuf Islam. Molare, come dicono i dentisti: voi quanti nomi avete? Potete anche scriverlo per e-mail: Se tu dici un nome a me, poi io dico un nome a te.

La cosa più interessante sono poi i nomi che vi danno gli altri…ma questo diventa un  boscoriserva diverso. Intanto si è fatta una certa, e devo partire. Per cui: parole alla musica e musica alle parole.

Look what’s happening out in the streets | Bada lì che succede per le strade
Got a revolution Got to revolution | C’hai una rivoluzione – devi fare una rivoluzione (in senso “fisico”?)
Hey I’m dancing down the streets | Oh, sto ballando per le strade
Got a revolution Got to revolution
Ain’t it amazing all the people I meet | non è forte, tutta ‘sta gente che incontro
Got a revolution Got to revolution
One generation got old | una generazione è invecchiata
One generation got sold | una generazione è stata venduta
This generation got no destination to hold | questa generazione non ha una destinazione da mantenere
Pick up the cry | raccogli il grido

Hey now it’s time for you and me | oh: ora è il tempo per te e per me
Got a revolution Got to revolution
Come on now we’re marching to the sea | vieni, ora, si marcia verso il mare
Got a revolution Got to revolution
Who will take it from you | chi è che lo (o la?) prenderà da te
We will and who are we | noi…e chi siamo noi?
We are volunteers of America | siamo volontari dell’America

boscoriserva n° 5 dell’1/7/19: appartamento: Judy blu occhi

Ieri ho incontrato Paolo de Roma (e d’aa Roma). Ho scoperto che è nella mailing list di boscoriserva. Mi ha detto che lui boscoriserva lo conosceva abbastanza bene, epperò se stava a pperde nelle proposte più recenti, che non conosceva. Abbiamo poi parlato di direttive comunitarie e di alberghi (no del Monopoli).

Molare, come dicono i dentisti: fa sempre piacere incontrare dal vivo un/una tuo/a lettascoltatore/trice.

Poi ho incontrato un altro che mi diceva di quell’altro messaggio che ho scritto in quell’altra mailing list. Poi…poi..ce stavamo a scorda’ del festival (chiedo venia, ma ogni volta che vado a Roma mi entra in testa lo “starci a”). Per rientrare nel binario musicale, prima di riprendere quello de fero in direzione nord, chiudiamo questa prima settimana di rubrica con un altro dei superclassici.

(David) Crosby, (Stephen) Stills e (Graham) Nash furono -ai tempi che furono- tra i massimi esponenti di quel rock dalla West Coast che si dava alla ricerca della felicità (che poi forse non era solo il rock, e mi viene da pensare che tutta la storia USA sia una forma molto particolare di ricerca della felicità).

Oggi “stanno tutti bene”, ma allora c’erano, e a volte si accompagnavano con (Neil) Young.

Suite: Judy Blue Eyes è un pezzone. Non difficile da eseguire in versione “da grigliata”, per toccare le vette richiede un uso sapiente di armonie vocali che anche altri colleghi californiani sperimentavano (leggi: gli Spiaggia Ragazzi, Beach Boys) e che furono poi abbondantemente ripresi sia dai Queen che dai Pooh per stare nello Stivale.

Il grande tubo non offre la versione integrale del brano eseguito durante il festival, ma va guardato almeno fino al minuto 1 e qualcosa per notare due cose: il poncho di Stephen Stills e il richiamo che fa al fonico (“a little less bottom end on…guitar…please”). Ti teletrasporti a una trentina di anni dopo, e rivedi che al minuto 1 il nostro sta sempre leticando col fonico…magari lo stesso di allora? Se poi ve la sentite, fate la macchina del tempo completa sulla versione 2012.

[Intro. (Acoustic Guitar)]

It’s getting to the point where I’m no fun anymore
I am sorry
Sometimes it hurts so badly I must cry out loud
I am lonely

I am yours, you are mine, you are what you are
You make it hard

Remember what we’ve said and done and felt about each other
Oh, babe have mercy
Don’t let the past remind us of what we are not now
I am not dreaming

I am yours, you are mine, you are what you are
You make it hard

[Instrumental (Acoustic Guitar)]

Oh, oh, oh, oh, oh
Tearing yourself away from me now you are free
And I am crying
This does not mean I don’t love you I do that’s forever
Yes and for always

I am yours, you are mine, you are what you are
You make it hard

Something inside is telling me that I’ve got your secret
Are you still listening?
Fear is the lock and laughter the key to your heart
And I love you

I am yours, you are mine, you are what you are
You make it hard
And you make it hard
And you make it hard
And you make it hard

[Instrumental (Acoustic Guitar)]

Friday evening
Sunday in the afternoon
What have you got to lose?

Tuesday morning
Please be gone I’m tired of you
What have you got to lose?

Can I tell it like it is? (Help me I’m sufferin’)
Listen to me baby
It’s my heart that’s a sufferin’ it’s a dyin’ (Help me I’m dyin’)
And that’s what I have to lose (To lose)

I’ve got an answer
I’m going to fly away
What have I got to lose?

Will you come see me
Thursdays and Saturdays?
What have you got to lose?

[Instrumental (Acoustic Guitar)]

Chestnut brown canary
Ruby throated sparrow
Sing a song, don’t be long
Thrill me to the marrow

[Instrumental (Acoustic Guitar)]

Voices of the angels
Ring around the moonlight
Asking me said she’s so free
How can you catch the sparrow?

[Instrumental (Acoustic Guitar)]

Lacy lilting lady
Losing love lamenting
Change my life, make it right
Be my lady

[Instrumental (Acoustic Guitar)]

Doo doo doo doo doo, doo doo doo doo doo doo
Doo doo doo doo doo, doo doo doo doo

Doo doo doo doo doo, doo doo doo doo doo doo
Doo doo doo doo doo, doo doo doo doo

Que linda me la traiga Cuba
La reina del Mar Caribe
Cielo sol no tiene sangreahi
Y que triste que no puedo vaya oh va, oh va

Doo doo doo doo doo, doo doo doo doo doo doo
Doo doo doo doo doo, doo doo doo doo

Doo doo doo doo doo, doo doo doo doo doo doo
Doo doo doo doo doo, doo doo doo doo

Boscoriserva n° 4 del 30/6/19: madre meno figlio

prima edizione 27/2/14

Alla ricerca del Boscoriserva minore, sono andato a pescare cose che rimanevano fuori anche dal radar dei più esperti.

Per una combinazione di assonanze, dalla scaletta del festival ho notato “Motherless child” dei Sweetwater, che a me sembrava “Fortunate one” dei Creedence Clearwater Revival (ho forse l’assonanza l’avrò notata nel nome del gruppo?). “Giocoforza” come dice il mio amico Maurizio di sotto Firenze nella sua dimora accogliente, mi è toccato andare a sentirla.

La filmografia ufficiale del festival non offre l’esibizione dei Sweetwater, né ho trovato nell’economia del quarto d’ora dedicato alla rubrica Boscoriserva fimati bootleg riversati da qualche pensionato che andò all’evento con la cinepresa.

Però ho trovato un’altra chicca: l’esibizione del gruppo nello stesso anno in uno studio televisivo, introdotti nientepopodimenoche da Bing Crosby (do you remember, “White Christmas” ecc).

Anche il brano dei Blood, Sweat & Tears era in studio, e tutto sommato ci si calavano bene. I Sweetwater invece fanno un effetto strano. E’ come se fossero sul palco di Boscoriserva, e in postproduzione li abbiano trasferiti in uno spazio diverso. E questo mi ha fatto effetto.

Ma più effetto mi ha fatto come Bing introduce il gruppo: “The most unique combination of talents on record today“.

Ora…dire nel 1969 che i Sweetwater erano “la più speciale combinazione di talenti oggi sui dischi” è un classico caso di sindrome del “o ci sei o ci fai”.
Se gli autori del programma “c’erano” vivevano musicalmente negli anni ’50 e ignoravano tutta la saranbanda di bande che imperversava in quelle lande. Se ci facevano, allora non volevano mettere il gruppo nella giusta dimensione. Se poi la sera dopo arrivavano ospiti Jimi Hendrix, Janis Joplin o uno degli altri 50 grupponi di allora come dovevano presentarli???

Notare anche il sagace umorismo degli autori televisivi dell’epoca: Questo gruppo è qua per un caso non dipendente da noi…li aveva scritturati Dean Martin, ma ha annullato la data quando ha saputo che nel nome del gruppo c’era la parola “acqua”.

L’altra cosa molto, molto interessante di questo brano è che si scopre che all’epoca un sacco di gruppi cantavano gli stessi pezzi…ma per oggi ho scritto troppo e ci ho un treno da prendere a 40 km da questo punto tra 75 minuti. Buon viaggio a me e buon ascolto a voi.

sometimes I feel like a motherless child | a volte mi sento come un figlio senza la mamma

a long way from my home | e mi sento lontano da casa

sometimes I feel like there’s nobody there | a volte mi sento come se non ci fosse nessuno

a long way from my home | e mi sento lontano da casa